Rugbymercato - Giovani e piloni per Padova

leso_padova.jpg Puntare sui giovani provenienti dal vivaio e rinforzare una prima linea indebolita dagli addii di Fazzari e Chistolini. Questa è la filosofia che ha guidato le ultime novità di mercato del Petrarca Padova, che ieri ha annunciato due acquisti in prima linea e la "promozione" in prima squadra di diversi elementi provenienti dall'under 20.

Il Petrarca Padova, infatti, ha annunciato l'arrivo di due nuovi giocatori nel reparto di prima linea. Si tratta di Miguel Alonso e di Luca D'Agostino. Alonso, volto noto del rugby italiano, argentino di Rosario, con un passato in Italia a Parma, Silea, Venezia Mestre e Viadana, l'anno scorso ha militato in Premiership inglese con il Leeds Carnegie, dove ha disputato 13 partite tra campionato e Challenge Cup. Un metro e 85 per 118 chili, Alonso è un pilone sinistro capace però di adattarsi anche a destra della prima linea senza problemi.
D'Agostino, invece, 24 anni compiuti lo scorso 8 maggio, un metro e 84 per 125 chili, è un pilone destro di ruolo, che proviene dal Cus Verona, dove la scorsa stagione non ha mai saltato una partita.
In prima linea si aggiungono anche le presenze di Piermaria Leso e di Alessandro Furia, entrambi classe '91, che entreranno stabilmente nella rosa del Petrarca. "Volevamo sistemare il reparto di prima linea - spiega il D.S. Corrado Covi -, dopo le partenze di Fazzari per Treviso e di Chistolini per Gloucester. Un compito non facile, ma siamo riusciti a confermare Costa Repetto, che non era scontato. Poi ecco Alonso, una delle nostre prime scelte, e D'Agostino, che già l'anno scorso avevamo deciso di lasciare a Verona per l'intera stagione per completare la sua maturazione". A loro, sempre in prima linea, si aggiungono i confermati Caporello, Gega, Gatto e Naka.
Altro discorso importante quello dei giovani provenienti dal vivaio. Entrano a pieno titolo nella rosa della squadra Edoardo Ghiraldini (terza linea), Alex Morsellino (ala), Francesco Favaro (centro), e Filippo Giurati (pilone). "Dovevamo creare spazio per i nostri giovani, e così ci sembra di aver risposto al meglio alle attese - conclude Covi-. A loro si aggiungono tutti i ragazzi che hanno già cominciato a maturare esperienza la scorsa stagione, e il cui numero è destinato a crescere ancora non appena si creeranno le condizioni giuste".


Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO