Celtic League - Dondi: "A gennaio decideremo se continuare con Aironi e Treviso"

dondi_radio.jpg Non smentisce e, anzi, conferma. Giancarlo Dondi, presidente della Federazione, ha ribadito i problemi di convivenza che la Fir sta avendo con Aironi e Treviso e minaccia: "Se le cose non cambiano a gennaio trarremo le conclusioni". Lo ha detto ad Alessandro Fusco durante la trasmissione radiofonica Radio Radio lo sport.

Durante la lunga intervista che ha toccato tutti i temi dell'attualità ovale, dallo Stadio Flaminio (confermando i dubbi di Rugby 1823 sulla certezza della ristrutturazione in tempi brevi e bocciando l'idea di strutture mobili) all'addio a Nick Mallett (cui ha riconosciuto i meriti), passando dalla polemica tra il coach sudafricano e Carlo Checchinato (contestando il metodo, ma dimenticandosi di difendere il suo responsabile dell'alto livello) all'avventura celtica.
E proprio parlando di Celtic League il presidente federale non si è tirato indietro e ha attaccato nuovamente le due franchigie. L'ingresso in Celtic League è stato fatto in ottica nazionale, ha ribadito Dondi, e l'accordo con il Board lo ha firmato la Fir, che poi ha delegato Aironi e Treviso a partecipare. Ma, ha attaccato il presidente, se la collaborazione continuerà a essere quella attuale (non sufficiente secondo lui), allora la Federazione potrebbe cambiare idea e affidare la rappresentanza italiana in Celtic League ad altre due squadre e altre due piazze. E, come detto, una decisione verrà presa a gennaio.


Insomma, niente acqua sul fuoco neanche a questo giro. E la polemica, sempre più dura, continua.


  • shares
  • Mail
99 commenti Aggiorna
Ordina: