Celtic League - Turnover (in stile Fir) per Treviso a Cardiff

Treviso_XV_Cardiff_20_4.jpg Parte oggi pomeriggio alla volta di Cardiff la formazione del BenettonTreviso, impegnata domani sera nella capitale gallese nell'ultima trasferta stagionale di Magners League contro i Blues. La formazione avversaria è in piena corsa per uno dei quattro posti nei playoff della competizione celtica, mentre i Leoni partono con l'intento di cercare di ottenere la tanto agognata vittoria esterna, ma soprattutto con la volontà di continuare a costruire un importante bagaglio di esperienza, in vista anche della prossima stagione. E con una scelta che "fa il gioco" della Fir.

Franco Smith ha, così, deciso di operare ben otto cambi nella formazione di partenza, rispetto al XV che ha sconfitto i Glasgow Warriors sabato scorso a Monigo, nell'ottava vittoria stagionale dei biancoverdi. Il tecnico sudafricano lascia a riposo Brendan Williams e ripropone Joe Maddock ad estremo, confermando poi nel triangolo allargato Ludovico Nitoglia e riproponendo anche il giovane Tommaso Benvenuti. Ai centri, Alberto Sgarbi viene spostato a primo, con l'inserimento di Ezio Galon a secondo, mentre la mediana resta inalterata con Fabio Semenzato a far coppia con il man of the match della scorsa settimana: Willem De Waal.
Ben cinque le novità in mischia, dove restano dal primo minuto Paul Derbyshire e Alessandro Zanni in terza linea e Leonardo Ghiraldini al tallonaggio, che prende anche i gradi di capitano. Con lui davanti ci saranno Lorenzo Cittadini ed Augusto Allori, mentre Manoa Vosawai partirà come flanker. Assolutamente inedita la coppia di saltatori in seconda, con Valerio Bernabò che giocherà assieme a Francesco Minto. In panchina si rivedono Franco Sbaraglini, Benjamin Vermaak e Andy Vilk.


Un XV, dunque, che fa a meno di Tobias Botes (ancora ai box) e Brendan Williams. Una formazione che vede la mediana formata da Fabio Semenzato e Willem De Waal. Quindi il talento azzurro "scoperto" da Treviso e che, nelle parole di Munari&co, è il fenomeno che l'Italia aspettava. Insieme alla solida apertura sudafricana. Se si sostituisce Maddock (che finalmente a fine stagione se ne andrà) con McLean (nel caso futuribile anche Andrea Masi, sogno di Treviso e Aironi) si ha una cerniera 9-10-15 di grande qualità e che rispecchia in pieno i diktat federali. Dov'è, quindi, il problema di cui oggi parlano i quotidiani veneti?

BENETTON TREVISO
15 Joseph Maddock 14 Tommaso Benvenuti 13 Ezio Galon 12 Alberto Sgarbi 11 Ludovico Nitoglia 10 Willem De Waal 9 Fabio Semenzato 8 Paul Derbyshire 7 Alessandro Zanni 6 Manoa Vosawai 5 Valerio Bernabò 4 Francesco Minto 3 Lorenzo Cittadini 2 Leonardo Ghiraldini 1 Augusto Allori
A disposizione: 16 Franco Sbaraglini 17 Michele Rizzo 18 Ignacio Fernandez Rouyet 19 Benjamin Vermaak 20 Robert Barbieri 21 Simon Picone 22 Andrew Vilk 23 Luke McLean


  • shares
  • Mail
60 commenti Aggiorna
Ordina: