Rugbymercato - E' guerra aperta tra Irlanda e Nuova Zelanda

guerra_irish_allblacks.jpg L'accusa è pesante: aver disatteso le belle parole dette nei mesi scorsi e aver offerto cifre importanti per portare diversi All Blacks a vestire le maglie delle provincie irlandesi. Secondo la Federazione neozelandese, infatti, Ulster, Leinster e le altre franchigie irish sono pronte a far shopping tra gli All Blacks, mandando al macero le parole spese contro la "politica corrotta" dei club francesi.

Secondo le voci che rimbalzano dall'Emisfero Sud, infatti, l'Ulster sarebbero a un passo dal mettere sotto contratto gli All Blacks John Afoa e Jared Payne, con due offerte decisamente superiori agli standard che la NRZU può offrire. Anche Matt Berquist potrebbe raggiungere Leinster, con Cory Jane anch'esso a un passo dai lanciatissimi nordirlandesi dell'Ulster, mentre Benson Stanley potrebbe essere il sostituto di Sam Tuitupou a Munster. Insomma, una bella fuga verso la verde Irlanda si prospetta dopo i Mondiali e questo ai neozelandesi non piace proprio.
"La cosa più fastidiosa è che se i numeri che sentiamo che l'Ulster sarebbe pronta a mettere sul tavolo, e quindi che metterà sul tavolo la Federazione irlandese, fossero veri sarebbe una vera vergogna - ha dichiarato al New Zealand Herald il chief executive della NZRU Steve Tewis -. Anche perché quella irlandese è una delle federazione con cui abbiamo parlato negli ultimi mesi a proposito di come il sistema francese stia corrompendo il mercato. E ora ci ritroviamo nella situazione che proprio gli irlandesi fanno offerte folli!".


  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: