Heineken Cup - Leinster, il paradiso è irlandese

leinster-leicester_post.jpg Una meta di Nacewa a inizio ripresa è decisiva nel match che il Leinster fa suo all'Aviva Stadium contro un Leicester che fa la partita, ma non riesce mai a concretizzare e subisce la punizione irlandese che costa ai Tigers le semifinali europee. Finisce 17-10, ma sicuramente gli ospiti hanno molto da recriminare a se stessi, nonostante un finale entusiasmante.

Un primo tempo di grande equilibrio, dove nei Tigers non c'è Martin Castrogiovanni in panchina, e che vede in Jonathan Sexton il piede assassino che con tre piazzati permette al Leinster di andare negli spogliatoi sul 9-3.
Ma a decidere la partita è il primo quarto d'ora della ripresa. Prima è Alesana Tuilagi ad abbattere Brian O'Driscoll a schiacciare in meta, ma a vedersi annullare la segnatura per un ginocchio che tocca la linea di out prima che l'ala schiacci l'ovale a terra. Pochi minuti dopo è Isa Nacewa a punire gli inglesi. Balletto fantastico nella difesa dei Tigers, avversari ubriacati e palla che entra in meta. Azione stupenda, ma che nasce da un netto avanti di Horgan colpevolmente non visto dalla terna arbitrale.
I Tigers, che trovano un buonissimo Castro, provano in ogni modo a raddrizzare la partita che ora sul 14-3 necessita di almeno due mete per riaprirsi. Ma prima è Flood a sbagliare un calcio non difficile, poi spesso gli inglesi commettono errori banali nei 22 avversari e quando potrebbero concretizzare è anche Owens che sbaglia le scelte arbitrali punendo Leicester. Ma, soprattutto, ci sono troppe touche sbagliate e un Brian O'Driscoll eroico che recupera un'infinità di palle e nega la gioia della meta ai Tigers. Si arriva così alla fine con le Tigri senza più fiato, ma che con il cuore riaprono inutilmente il match negli ultimi minuti. La meta di Hawkins al 76', infatti, dà la speranza alle Tigri di agguantare i supplementari. I Tigers si buttano in avanti negli ultimi istanti, si portano al limite dei 22 avversari, annusano l'odore del sangue irish ma un in avanti rendete tutto inutile e i dubliners possono festeggiare il raggiungimento meritato della semifinale della Heineken Cup 2011. 


  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: