Numeri mondiali - Seven&Olimpiadi: è boom del rugby

mastercard_ricerca.jpg Il grande successo delle Sevens World Series a livello globale, anche in quei Paesi senza una tradizione ovale, e l'ingresso del rugby alle Olimpiadi a partire dal 2016. Sono questi, secondo una ricerca effettuata da Mastercard (sponsor dell'RWC 2011), i motivi del boom del rugby nel mondo, dove dal 2007 a oggi vi è stata una crescita del 19% dei rugbisti. Exploit in Sri Lanka, Giappone e USA.

Una ricerca commissionata da Mastercard ha analizzato la crescita del movimento ovale nei vari Continenti, mostrando un boom non indifferente. Più 18 per cento in Asia, 22 per cento in Sud America e 33 per cento in Africa i dati che riflettono, oltre al sempre crescente interesse verso il rugby a XV, come l'espansione in certe zone del seven stia facendo raccogliere i frutti. Così, oltre al tradizionale Sud Africa, sono i successi del Kenia nel seven a spiegare il vero e proprio successo ovale in Africa, così come l'interesse che il rugby sta ottenendo in Asia. Dove, a sorpresa, è lo Sri Lanka, con oltre 100.000 tesserati, a essere la seconda realtà dopo il Giappone.
Le tappe di San Diego e Las Vegas delle Irb Sevens World Series sono alla base dei numeri americani, dove i rugbisti e le rugbiste sono triplicate rispetto a quattro anni fa. E quest'anno, per la prima volta nella storia, i Mondiali di Nuova Zelanda verranno trasmessi in diretta su un canale nazionale americano. A livello mondiale, oggi, sono oltre 5 milioni gli uomini, donne e bambini che giocano a rugby in 117 Paesi. Qui, di seguito, la top 10.

Top 10
Inghilterra 2.549.196*
Sud Africa 632.184
Francia 273.084
Irlanda 153.080
Nuova Zelanda 137.835
Giappone 122.598
Sri Lanka 103.325
Argentina 102.790
Australia 86.952
Stati Uniti 81.678
*dato non ufficiale Irb


  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: