Sei Nazioni 2011 - L'Inghilterra prenota il titolo

inghilterra-francia_post.jpg Una meta di Ben Foden a inizio ripresa regala una bella fetta di RBS Sei Nazioni all'Inghilterra, che supera 17-9 la Francia nel big match di giornata. Un match in equilibrio per 40' e deciso dal buco che l'estremo dei Saints trova a inizio ripresa e che permette ai padroni di casa di avere la meglio di una Francia buona, ma forse troppo nervosa per potersi imporre a Twickenham.

L'Inghilterra è in pole position per vincere il suo primo RBS 6 Nations dal 2003 quando la meta di Ben Foden regala il 17-9 che fa superare la Francia. Un primo tempo equilibrato si chiude sul 9-9 con Toby Flood e Dimitri Yachvili a sfidarsi dalla piazzola senza che nessuno dei due prevalga.  La Francia cede a inizio ripresa con l'estremo Foden che supera la linea di meta e poi Wilkinson regala l'ultimo piazzato che ferma la Francia dopo sette successi consecutivi nel Sei Nazioni. Il Grande Slam è ora il traguardo cui mira l'Inghilterra e Martin Johnson dev'essere rimasto ben impressionato dalla prestazione dei suoi nella ripresa.
L'anno scorso la Francia dominò l'Inghilterra in prima linea, ma i padroni di casa si sono vendicati sfruttando soprattutto i loro trequarti. Toby Flood continua nella sua striscia perfetta dalla piazzola nel torneo per restare al passo di Yachvili nei primi 40', vendicandosi del killer che nel 2005 fece vincere la Francia a Twickenham. L'Inghilterra parte con il piede giusto e sfrutta due fuorigioco francesi per scattare in avanti, ma è un vantaggio che dura poco. Un fallo di Nick Easter porta la Francia sul 9-6 con il match che impatta prima della fine del primo tempo.
La sfida in prima linea sembra premiare di nuovo i Francia, con gli ospiti che costringono Andrew Sharidan ad alzare bandiera bianca e a far entrare al suo posto il giovane Alex Corbisiero, al suo secondo cap. Le trequarti sembrano bloccate e ogni iniziativa si spegne contro il muro avversario. Si arriva così all'intervallo in perfetto equilibrio. Equilibrio spezzato subito dopo il calcio d'avvio della ripresa. Yachvili ritarda una liberazione al piede e l'Inghilterra conquista una mischia sui cinque metri. La palla si muove a destra, poi si sposta a sinistra dove Flood e Cueto liberano l'estremo Foden per volare tra le linee avversarie e marcare la meta decisiva del match.
La meta colpisce duramente i francesi che rischiano il colpo del ko quando ancora Flood, questa volta con Youngs, liberano Chris Ashton che può volare per la settima volta oltre la linea di meta. Ma un avanti nell'azione strozza l'urlo in gola all'ala. Flood lascia il campo per Wilkinson e Sir Wilko regala tre punti dai 50 metri che danno la vittoria definitiva all'Inghilterra e permettono all'apertura inglese di superare al momento Dan Carter al primo posto dei realizzatori di tutti i tempi. Siamo 17-9, lo stesso punteggio che nel 2005 la Francia recuperò a Twickenham, ma sei anni sono tantissimi e questa volta gli ospiti non trovano il guizzo vincente, restando bloccati. L'occasione per riaprire la partita arriva nelle mani di Aurelien Rougerie, che però non controlla l'ovale in area di meta e con questo errore si chiude, definitivamente, il sogno della Francia.
L'ultima occasione è per l'Inghilterra, con il passaggio di Ashton a Cueto viene intuito da Yoann Huget. Ma conta poco. L'Inghilterra vince e prenota il titolo 2011.


  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: