Sei Nazioni 2011 - Italia vs. Galles: il giorno della verità

6n2011_Ita-Wal_pre.jpg Tutti al Flaminio e davanti alla tv, questo pomeriggio, per sognare l'impresa che può cambiare le sorti dell'RBS Sei Nazioni 2011 dell'Italia. Dopo due sconfitte cocenti, per motivi opposti, gli azzurri di Nick Mallett sono chiamati a non sbagliare la prova d'appello contro il Galles. Appuntamento alle ore 15.30, con diretta tv su Sky Sport 2, differita alle 18.00 su La 7 e live blogging su Rugby 1823 (con interviste in diretta nel dopo partita). Prima della partita verrà osservato un minuto di silenzio quale messaggio di solidarietà del mondo del rugby nei confronti della popolazione neozelandese e in memoria delle vittime del terremoto di Christchurch.


Foto per gentile concessione di Elena Barbini

Ultima spiaggia, match della verità, sfida da non perdere. La partita dell'Italia contro il Galles viene vissuta con diversi stati d'animo, ma per tutti è chiaro che l'RBS 6 Nations 2011 degli azzurri passa dallo Stadio Flaminio e dalla sfida con i Dragoni. La sconfitta pesante subita a Twickenham, la brutta prova difensiva e in touche pesano come macigni su Nick Mallett e i suoi ragazzi, chiamati a una prova convincente per raddrizzare un torneo che rischia si scivolare su una strada accidentata. Una prova di carattere che i giocatori sanno di dover giocare al meglio.
"A Twickenham non si è vista la vera Italia, sabato davanti al nostro pubblico possiamo riscattarci e fare una grande prestazione" le parole di Mirco Bergamasco, cui si aggiunge l'analisi di Santiago Dellapé "Difesa e conquista saranno essenziali per poter mettere i nostri trequarti nella condizone di avere palloni di qualità da sfruttare".
Se l'Italia arriva da una brutta sconfitta, il Galles giunge a Roma sulle ali dell'entusiasmo di una ritrovata vittoria. Dopo una striscia di nove sconfitte, infatti, il XV di Warren Gatland ha espugnato il Murrayfield di Edimburgo battendo meritatamente la Scozia al termine, però, di un match non certo bello né giocato ad altissimi livelli.
Ora per il Galles è il momento delle conferme e la sfida con l'Italia deve mettere le basi per un lavoro positivo in ottica Mondiali. Una sconfitta, infatti, riaprirebbe le ferite, riportando a galla tutti i dubbi e le perplessità della vigilia. "Siamo tornati al successo dopo tanto tempo - ha dichiarato il coach dell'attacco gallese Rob Howley - e vogliamo confermarci anche a Roma". Per farlo Gatland ha confermato il più possibile il XV del Murrayfield. L'infortunio subito contro la Scozia da parte di Jamie Roberts obbliga il coach neozelandese a spostare James Hook a centro, rispolverando Stephen Jones all'apertura. L'altra novità, in panchina, il ritorno di Leigh Halfpenny dopo l'infortunio.


ITALIA - GALLES
Sabato 26 febbraio, ore 15.30 - Stadio Flaninio, Roma
Italia:
15 Luke McLean, 14 Andrea Masi, 13 Gonzalo Canale, 12 Alberto Sgarbi, 11 Mirco Bergamasco, 10 Kris Burton, 9 Fabio Semenzato, 8 Sergio Parisse (c), 7 Robert Barbieri, 6 Alessandro Zanni, 5 Quintin Geldenhuys, 4 Santiao Dellapé, 3 Martin Castrogiovanni, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Salvatore Perugini.
In panchina: 16 Carlo Festuccia, 17 Andrea Lo Cicero, 18 Valerio Bernabo, 19 Manoa Vosawai, 20 Pablo Canavosio, 21 Luciano Orquera, 22 Tommaso Benvenuti.
Galles: 15 Lee Byrne, 14 Morgan Stoddart, 13 James Hook, 12 Jamie Roberts, 11 Shane Williams, 10 Stephen Jones, 9 Michael Phillips, 8 Ryan Jones, 7 Sam Warburton, 6 Dan Lydiate, 5 Alun Wyn Jones, 4 Bradley Davies, 3 Craig Mitchell, 2 Matthew Rees (c), 1 Paul James.
In panchina: 16 Richard Hibbard, 17 John Yapp, 18 Jonathan Thomas, 19 Josh Turnbull, 20 Tavis Knoyle, 21 Rhys Priestland, 22 Leigh Halfpenny. 
Arbitri: Wayne Barnes (Inghilterra); Dave Pearson (Inghilterra), John Lacey (Irlanda); Iain Ramage (Scozia)


  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: