Sei Nazioni 2011 - Mirco Bergamasco: "Ci siamo concentrati sulla difesa" (ma va, non l'avrei detto!)

bergamasco_confstamp.jpg Mettersi alle spalle Twickenham, ma senza dimenticare i gravi errori commessi contro l'Inghilterra. La parola d'ordine per tutti gli azzurri è sempre questa: abbiamo imparato dai nostri errori e faremo meglio. Partendo, ma non è una novità, dalla difesa. Come ha evidenziato Mirco Bergamasco durante la conferenza stampa di oggi. Mentre Santiago Dellapé ha analizzato i problemi in touche, altro tallone d'Achille azzurro a Londra.


Foto per gentile concessione di Elena Barbini

"Abbiamo guardato la partita contro l'Inghilterra, visto gli errori commessi - ha dichiarato Mirco Bergamasco - e lavorato per migliorarli. Ci siamo concentrati molto sulla difesa, che ha avuto più di una difficoltà a Londra dove abbiamo pagato anche nello scontro fisico anche se, per quanto concerne la consistenza fisica, non abbiamo nulla da invidiare a nessun avversario. A Twickenham non si è vista la vera Italia, sabato davanti al nostro pubblico possiamo riscattarci e fare una grande prestazione".
"Il Galles - ha aggiunto l'ala azzurra - è una squadra che ama giocare in ogni zona del campo, dovremo essere bravi a metterli in crisi nei loro punti deboli, rimanere concentrati per ottanta minuti e mettere punti ogni volta che saremo nella loro metà campo".
Kris Burton, che torna a vestire la maglia numero dieci di apertura dopo essere partito dalla panchina a Twickenham, ha dichiarato: "Non sento una responsabilità particolare, è il dovere di ogni mediano d'apertura far girare la squadra in attacco e poi è l'allenatore a decidere chi deve andare in campo. Non devo spiegare io perché prendo il posto di Orquera, qui in Nazionale siamo tutti allo stesso livello, una squadra di ventisei giocatori che lavorano per lo stesso obiettivo. Poi è il CT che sceglie la squadra da schierare settimana dopo settimana".
Il seconda linea Santiago Dellapè è intervenuto in relazione alle difficoltà incontrare dagli azzurri in rimessa laterale a Twickenham: "Abbiamo lavorato abbastanza in settimana, ma dobbiamo pensare che al di là dei nostri errori come reparto sono stati bravi gli inglesi a leggere le nostre chiamate. Certo quando contro una grande squadra come l'Inghilterra non hai possesso la sconfitta è inevitabile, ma non per questo dobbiamo mettere in discussione quanto di buono questo staff e questa squadra hanno fatto sino ad oggi. Contro i gallesi sarà dura come sempre, sono una bella squadra e dovremo affrontarla con una grande difesa, come abbiamo fatto con l'Irlanda. Difesa e conquista saranno essenziali per poter mettere i nostri trequarti nella condizone di avere palloni di qualità da sfruttare. I nostri trequarti sono forti, al livello degli altri, sta a noi metterli nella condizione di giocare".
"Ogni partita per noi è una guerra - ha concluso il centro Gonzalo Canale - perché nel Torneo ci sono squadre più forti di noi e per essere competitivi non possiamo fare gli errori fatti con l'Inghilterra. Il Galles credo sia tra le squadre migliori del torneo, dovremo attaccarli in modo diretto: giochiamo in casa, davanti al nostro pubblico, e sarà un'arma in più come sempre".


Nel frattempo il mediano di mischia Tito Tebaldi ha lasciato il raduno e ha fatto rientro a Viadana. Tebaldi è disponibile per l'utilizzo nel match di Magners League tra Aironi e Munster in programma domenica.


  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: