Tri Nations - Australia: per Deans un bilancio positivo

lapresse_robbiedeans.jpg

Sorride nonostante la sconfitta Robbie Deans alla fine del Tri Nations 2010 che ha visto la sua Australia chiudere seconda alle spalle degli imprendibili All Blacks, ma davanti ai campioni del mondo del Sud Africa. Un bilancio che per il coach kiwi è sicuramente positivo, soprattutto in ottica mondiale, anche se la strada è ancora lunga.

"E' evidente che il gruppo sta crescendo, anche se gli All Blacks sono ancora un gradino sopra a noi - le parole dell'allenatore dei Wallabies -. Un gradino non insormontabile, ma serve grande impegno e lavoro per colmare il gap. Quello che dobbiamo fare è semplicemente continuare ad andare avanti e migliorare, perché non diventi il numero 1 al mondo senza fatica". Parole chiare, realistiche, che evidenziano soddisfazione ma non sazietà.
"Bisogna dare merito alla Nuova Zelanda per ciò che ha ottenuto in questo periodo, per il bel gioco che esprimono. Sono la miglior squadra al momento, ma noi non ci rassegnamo. Dobbiamo concentrarci sul nostro gioco e continuare a crescere nei prossimi 12 mesi - continua Deans -. Sono soddisfatto di questo Tri Nations. C'è un gruppo ormai consolidato e alcuni ragazzi che si stanno integrando bene".
Insomma, oggi gli All Blacks sono di un'altra categoria, ma Robbie Deans non vuole arrivare al Mondiale 2011 già sconfitto. Ha dodici mesi per sistemare una squadra che ha mostrato di avere grandi qualità e cui manca solo il salto di qualità.

Macchianera Blog Awards: Rugby 1823 candidato miglior blog sportivo 2010. Votate qui!

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: