Affari italiani - Colorno e quel ripescaggio miracoloso

colorno_C.JPG

E' un po' di giorni che in rete, tra gli appassionati, gira una domanda che non ha ancora trovato risposta. Perché il Colorno, confluito nel GranDucato, riparte dalla Serie B e non, invece, dalla C? Una domanda cui difficilmente si avrà una risposta a breve, visto il periodo vacanziero, ma che meriterà un approfondimento. Per evitare di sollevare dubbi di favoritismi. Perché? Parma, Colorno... vi dice nulla tutto ciò?

Ricordiamo cosa è successo nelle ultime settimane lungo la via Emilia. Tra società sull'orlo del fallimento, fusioni che ricalcano quelle celtiche, aggiustamenti pilotati per non ammettere gli errori del passato sono nate due nuove società, due squadre d'Eccellenza che hanno preso il posto di Rugby Parma, Noceto, Gran Parma, Colorno e Viadana. Da un lato il Rugby Parma che ha mascherato il proprio fallimento con la nascita dei Crociati, cioé un Noceto camuffato; dall'altra gli Aironi in salsa Eccellenza, con Gran, Colorno e Viadana a formare il GranDucato. Insomma, quattro squadre dell'ex Super 10 e una di Serie A che "muoiono" fondendosi. Muoiono e come la Fenice rinascono dalle loro ceneri.
Rugby Parma, Gran Parma e Noceto iscrivono una loro seconda squadra in Serie C, mentre il Colorno riappare in Serie B. Perché? Non si sa, non si capisce e, soprattutto, non sembra accettabile. L'anno scorso, infatti, il Colorno B era in Serie C e, causa inadempimenti con le giovanili, avrebbe dovuto subire una penalizzazione di 8 punti quest'anno. Niente penalizzazione, invece, e promozione in Serie B. E non vi è traccia nel comunicato federale dell'affiliazione di una nuova società, quindi il Colorno che gioca in Serie B è lo stesso che per meriti sportivi dovrebbe essere in Serie C e penalizzato. Una scelta incomprensibile, ma che fa nascere molti dubbi e molte malizie.
Basandosi sul regolamento federale, infatti, il Consiglio Federale ha ripescato in Serie B le seguenti squadre: Asd Gran Sasso Rugby, Neroniana Rugby Anzio e Asd Rugby Viterbo. Gran Sasso e Neroniana erano state sconfitte nei playoff promozione dalla Serie C, mentre il Viterbo era la miglior retrocessa dalla B. Manca un posto. A farne richiesta, oltre al Colorno, diverse squadre che ne avevano il titolo sportivo. Il Vicenza, per esempio, anch'essa sconfitta ai playoff come il Gran Sasso e il Neroniana. Il Jesolo, non ammesso ai playoff per questioni dubbie di obbligarietà, così come un paio di formazioni retrocesse come il Viterbo. Eppure, pur avendo gli stessi requisiti sportivi e avendo fatto formale richiesta come le tre ripescate, queste società non sono state prese in considerazione, privilegiando il Colorno.
Sempre leggendo il regolamento federale alla voce iscrizione squadre nei campionati si legge "Il Consiglio federale può ammettere ai Campionati soggetti affiliati che non abbiano conseguito il titolo al fine di completare gironi o campionati, per l’interesse generale dell’attività agonistica". Insomma, è il Consiglio Federale a decidere, più o meno a piacimento, in che categoria gioca una squadra. Consiglio Federale, Parma, Colorno...

  • shares
  • Mail
43 commenti Aggiorna
Ordina: