Rugbymercato – Zorzi a Rovigo nonostante il procuratore

zorzi_rovigo.jpg

Fanno il bello e il cattivo tempo e, a volte, non fanno neppure l’interesse dei loro giocatori. I procuratori sono il vero braccio forte del rugby italiano e influenzano spesso più del dovuto le trattative e le scelte durante il rugbymercato. Quest’anno abbiamo avuto i casi di Iannone e Chillon, entrambi della scuderia di procurator Sgorlon, che a un passo dal Rovigo hanno stracciato il precontratto.

Forti di questi precedenti, scottati dal recente passato, a Rovigo hanno deciso di forzare la mano. La trattativa per arrivare ad Alberto Zorzi, giovane e promettente ala, ristagnava, con ancora una volta protagonista lo stesso procuratore di Iannone. Come risolvere l’impasse? Semplice, bypassare (come scrive Il Gazzettino nelle pagine di Rovigo) l’ostacolo procuratore e parlare direttamente con colui che, alla fine, deve decidere. Il giocatore. E il faccia a faccia sembra aver portato al risultato sperato, visto che Zorzi ha accettato la proposta di andare in Polesine per crescere. Per il ventenne estremo/ala proveniente dal Tarvisium un’occasione importantissima. Alla faccia dei procuratori.

  • shares
  • Mail
66 commenti Aggiorna
Ordina: