Serie A1 - Finalmente Milano! Colorno perde contatto con la vetta

Colorno08.JPG

Dopo una serie di partite sottotono, quasi alla fine di una stagione che non ha regalato le gioie che ci si aspettava, mentre questioni extrasportive alimentano una situazione dai nervi tesi, finalmente l'Amatori Milano porta a casa un successo di quelli che contano. Con Colorno, infatti, la squadra di Cuttitta si impone in extremis, di cuore e cattiveria. In vetta vincono Lazio, Mogliano e Noceto che staccano così gli emiliani nella lotta per i playoff.

La sconfitta con Brescia, il buon momento del Colorno, le defezioni dell'ultima ora e un ambiente nervoso non facevano sperare molto i tifosi accorsi all'Arena ieri. Invece, fin dall’avvio i milanesi dimostrano di voler vendere cara la pelle e già al 5’ arriva la prima meta realizzata in velocità sulla parte sinistra del campo da Montanelli. Colorno prova a riorganizzarsi e con due piazzati di Canale opera il sorpasso (9’ e 13’).
L'Amatori non accusa il colpo, non si scompone, i giocatori restano disciplinati e la mischia con Vaghi, Carera, Pallaro e un ritrovato Bergamin avanza sempre prendendo metri importanti agli avversari. Alcacer, Baracchi e Fornari dominano nelle ruck. L’estremo Sandri realizza due piazzati (20’ e 25’) e prima del riposo un’altra meta di Monteagudo fissa sul 16-6 il risultato al riposo.
A inizio ripresa è ancora Milano a spingere e a trovare tre punti con Sandri, ma a questo punto esce Colorno che prova a cambiare marcia, sfruttando anche un po' di stanchezza nelle fila milanesi. Al 5’ gli emiliani spostano il punteggio con un calcio di Canale, ma bisogna aspettare prima il 26’ e poi il 38’ per le due mete, trasformate da Canale, con Privitera e Da Lisca che portano avanti gli ospiti e sembrano mettere la parola fine all’incontro.
Il finale, però, è degno di un thriller, dpve purtroppo l'assassino non è il maggiordomo, ma rischia di esserlo l'arbitro. A tempo praticamente scaduto, infatti, Montanelli s'invola sulla fascia, calcia per se stesso, brucia il diretto (e ultimo) avversario e sembra poter marcare la meta, ma viene nettamente spinto fuori, senza palla, da un avversario. La panchina meneghina, i giocatori e i tifosi gridano alla meta tecnica, ma l’arbitro, già mediocre in tutto il match, concede solamente una punizione, senza neppure mostrare il cartellino al giocatore del Colorno. Sugli sviluppi, però, della touche seguente la mischia di Milano sovrasta quella ospite, che deve commettere fallo per non capitolare e, questa volta, l'arbitro non può esimersi dal dare la meta tecnica della vittoria.

Una vittoria fondamentale per il morale dell'Amatori, una vittoria che significa sorpasso sul Livorno in classifica e una vittoria che vuol essere, anche, un pugno in faccia a certi personaggi che, a Milano, stanno rendendo difficilissimo costruire una squadra degna di questo nome. Personaggi che poco sanno di rugby e sport, personaggi mossi da interessi che ben poco collimano con quelli dell'Amatori. Personaggi che, si spera, si sciolgano come neve al sole quest'estate. Intanto, però, c'è da festeggiare una vittoria ottenuta dai ragazzi con il cuore.

Serie A1 – XX giornata
Amatori Milano v BluGeo Colorno 26 – 23
Orved San Donà v Zhermack Badia 29 – 16
Giunti Firenze v Vibu Noceto 16 – 20
Piacenza Rugby v Mogliano Rugby 09 – 34
Mantovani Lazio v Udine RFC 49 – 20
Rugby Banco di Brescia v Livorno Rugby 21 – 15

Serie A1 - Classifica
Mantovani Lazio punti 76; Vibu Noceto punti 75; Mogliano Rugby 74; Blugeo Colorno 69; Giunti Firenze 60; Orved San Donà 52; Amatori Milano punti 37; Livorno 35; Banco di Brescia punti 31; Udine Rugby 30; Zhermack Badia 22; Piacenza Rugby 10.
Piacenza Rugby 4 (quattro) punti di

 

Wikio - Top dei blog - Sport

 

facebook_logo.jpg

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: