Sei Nazioni Under 18 - Batosta gallese per gli azzurri. Brunello: "Colpa mia". Ascione, invece, tace

fallimento-u18.jpg

Il momento più basso del rugby juniores italiano in questa stagione. La lezione impartita dal Galles all'Italia Under 18 nell'ultimo turno del Sei Nazioni è di quelli che non si scordano. Un 94-3 che si commenta da sola. Coach Brunello nel dopo partita si è preso le sue responsabilità, che ci sono, e non poche. Ma lo sbando del movimento giovanile italiano non può essere solo colpa di un tecnico, seppur colui che questa squadra l'ha guidata. Il 94-3 è il fallimento del cosiddetto alto livello del rugby italiano. E' il fallimento delle Accademie, dei vivai, del progetto statura, dei corsi allenatore, della gestione tecnica federale. Insomma, è il fallimento di Franco Ascione, non di Massimo Brunello.

Foto per gentile concessione di Elena Barbini

"Credo non ci sia molto da dire dopo una sconfitta come questa - commenta a fine gara Brunello – se non che, come responsabile tecnico di questa Nazionale, è giusto che sia io a prendere la piena responsabilità. Siamo scesi in campo con la luce spenta, già avevamo avuto avvisaglie di questa stanchezza mentale contro la Scozia ma, oggi, non siamo stati capaci di proporre nulla di quanto avevamo preparato in questi giorni. Se proprio devo trovare una motivazione per questo risultato, posso dire di aver forse sottovalutato la tenuta mentale di un gruppo di giovani lungo un periodo di ritiro così lungo, con tre partite degli Europei e due del 6 Nazioni in poche settimane. Mi assumo la responsabilità anche in questo senso".

Massimo Brunello, come già detto in passato, ha le sue, importanti, colpe. Come chiunque sia al timone di una squadra che perde 94-3. Ma Brunello è solo l'ultimo anello di una catena fallimentare. Una lunga catena che ha un filo comune. Le scelte di Franco Ascione, colui cui l'alto livello è stato finalmente tolto, ma che potrà continuare a fare danni nel rugby di base italiano. Da lui mai una parola di mea culpa, mai un passo indietro, o altro. Lui resta sempre lì, appoggiato da Dondi e da una Federazione che sta fallendo completamente le politiche giovanili.

 

Wikio - Top dei blog - Sport

 

facebook_logo.jpg

  • shares
  • Mail
32 commenti Aggiorna
Ordina: