Francia - Arriva il salary cap

multinazionali-francesi.jpg

Crisi, spese folli e l'esempio dei Paesi vicini, Inghilterra in primis, hanno obbligato la Lega Nazionale Rugby francese a introdurre dalla prossima stagione un tetto salariale nel Top 14, il massimo campionato transalpino. Una rivoluzione "soft" che permetterà gradualmente ai club di adeguarsi senza obbligarli a tagli pesanti sugli attuali stipendi dei giocatori. Soft come ammorbiditi sono i parametri obbligatori introdotti riguardo alla presenza, in rosa, di giocatori di formazione francese.

Otto milioni. E' il salary cap introdotto ieri dalla LNR francese per i club del Top 14. Gli stipendi, quindi, dell'intera rosa di una società rugbistica non potranno superare gli otto milioni di euro complessivi. Questo, viste le cifre folli che alcuni club hanno offerto negli ultimi anni, significa un netto ridimensionamento di alcune società, che si stavano trasformando in un'accozzaglia di nomi blasonati, spesso senza senso. Ma una rivoluzione "soft", come detto, visto che il tetto non sarà perentorio per i primi anni. Le squadre che al momento sforano questa cifra, infatti, potranno abbassare annualmente gli emolumenti del 5% ai propri giocatori fino a raggiungere la soglia degli otto milioni. L'unica clausola, ovviamente, è che questo calo sia costante nel tempo.

Francesi ancora in minoranza. Delude, anche in prospettiva italiana, la scelta della LNR di abbassare la quota di giocatori di formazione nazionale obbligatoria nei club del Top 14. Per la prossima stagione, infatti, i club dovranno avere il 40% di giocatori formatisi in Francia. Quota che salirà al 50% nella stagione 2011-12 e al 60% in quella successiva. Un ridimensionamento importante rispetto alla proposta originaria che parlava per il 2010-11 del 50% e per il 2011-12 addirittura del 70% di giocatori di formazione francese. Sono considerati di formazione francese gli stranieri che hanno giocato in un campionato riconosciuto dalla Federazione francese per cinque anni e quelli che hanno frequentato per tre anni un'Accademia federale tra i 16 e i 21 anni.

ATTENZIONE: SEMPRE APERTE LE VOTAZIONI PER IL MIGLIOR AZZURRO DEL 2009!

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: