Super 10 - Semifinali: Treviso, una battaglia che vale la Celtic

benettoncammi012009.jpg

Proprio nelle ore nelle quali Brescia si candida alla Celtic League, a Treviso la Benetton cercherà di ribaltare il risultato dell'andata e conquistare la finale ai danni dei campioni in carica del Calvisano. Una rivincita della finale dell'anno scorso, ma che i giocatori guidati da Franco Smith dovranno conquistare ribaltando la sconfitta subita in Lombardia una settimana fa. Calvisano non ha mai convinto in trasferta quest'anno, parte sfavorito, ma le semifinali sono un discorso a parte, e tutto può succedere.

Dentro o fuori e tutto in 80' che valgono una stagione e determineranno chi tra Benetton Treviso e Cammi Calvisano sarà la seconda finalista del Campionato Super 10 di rugby, sabato 30 maggio allo Stadio Flaminio di Roma. Si gioca domani alle ore 20 allo Stadio Monigo di Treviso. Si riparte dal 18-13 di domenica scorsa al San Michele, con il Cammi Calvisano avanti nei punteggi 4-1 e con un + 5 a favore nella differenza punti, frutto dei sei calci di Fraser, mentre il Benetton potrà sfruttare a proprio vantaggio l'unica meta realizzata da Brendan Williams sei giorni fa. Meta, tra l'altro, trasformata nonostante la posizione angolata da Andrea Marcato. Al termine dell'ultima seduta di rifinitura questa sera, Franco Smith ha scelto i 24 convocati per l'incontro, ma permangono ancora alcuni dubbi di formazione che verranno sciolti soltanto all'ultimo.
Nel Calvisano, tra i giocatori che non potranno essere impiegati nella semifinale di ritorno c’è Justin Purll. La forte seconda linea, utilizzata spesso come numero 8 non ha recuperato dall’infortunio subito a una spalla nella semifinale d’andata. Il trauma riportato non è stato sufficientemente assorbito. Proprio domenica scorsa, però, l’uscita di Purll ha consentito d’assistere a una delle migliori performance stagionali di Valerio Bernabò, mentre tra i convocati rientra Peter Sidoli, che ha quindi l’occasione per togliersi quelle soddisfazioni che forse, nel campionato proteso verso la conclusione, sono state inferiori alle aspettative. Calvisano si è quindi preparato alla durissima sfida di Treviso intenzionato a capitalizzare quanto di buono, certamente non poco, c’è stato nella partita d’andata: dall’implacabilità di Ged Fraser nei piazzati, a un gioco aperto d’alto livello, senza dimenticare una mischia che, in campionato, quest’anno non è stata seconda a nessuno. E’ molto probabile che domani la partita possa assumere connotazioni piuttosto diverse, con un Treviso più propenso all’attacco. Ma la certezza che tecnici e giocatori hanno messo nel borsone per il Veneto è innanzitutto una: domani chi sbaglia paga un prezzo salatissimo. Tutta la partita verrà vissuta con la massima concentrazione, dall’inizio, quando i padroni di casa cercheranno d’annullar il gap e alla fine, quando una delle due squadre cercherà di difendere il vantaggio acquisito e l’altra farà il possibile per non lasciarsi sfuggire la finale.
Da Calvisano partono un pullman e diverse auto. L’orario, purtroppo, non è dei più agevoli dal momento che il rientro è, volenti o nolenti non prima della mezzanotte. Ma il giallonero non mancherà, come sempre, sugli spalti a Monigo.
BENETTON TREVISO (i convocati): Allori, Barbieri, Ceccato, Di Santo, Filippucci, Galon, Goosen, Kingi, Louw, Marcato, Mulieri, Neethling, Orlando, Pavanello, Pavanello, Picone, Sbaraglini, Semenzato, Sgarbi, Van Zyl, Vidal, Vilk, Waters, Williams.
CAMMI CALVISANO (i convocati): Bernabò, Bocca,Buso, Cattina,Dal Maso,D'Apice , Evans, Fraser, Garcia, Ghiraldini, Griffen, Mafi, Mckenzie, McLean, Nitoglia, Patelli, Persico, Pratichetti, Raineri, Sidoli, Stanojevic, Treloar, Tui, Zanni.

  • shares
  • Mail