Guinness Premiership - Tigers ed Exiles prenotano la finale!

Leic_Bath_Semi_News.jpg

Saranno i London Irish e i Leicester Tigers a giocarsi il titolo 2009 del massimo campionato inglese. Nelle due semifinali disputate ieri, infatti, le tigri di Castrogiovanni hanno avuto la meglio su Bath, mentre gli Exiles hanno vinto la battaglia della noia in casa degli Harlequins. Finale, dunque, che vedrà di fronte i favoriti Tigers e gli Irish, brutti ieri, ma sempre in grado di stupire.

Tornano in campo dopo la fatica di Cardiff i Leicester Tigers e partono subito forte. Un possesso imbarazzante nella metà campo degli ospiti, con tutte le azioni dei biancoverdi, che macinano metri e palloni. Fortissimi e belli da vedere i trequarti, ma è il pacchetto di mischia che fa paura. Un Castrogiovanni tornato ai suoi ritmi guida il pack delle tigri e al 17’ Hipkiss penetra nel buco creato dai suoi compagni e va a marcare la prima meta di giornata. Il vantaggio non fa rallentare i padroni di casa, pochi minuti dopo Vesty calcia per Geordan Murphy che prolunga la traiettoria del pallone ed è bravo Hape ad annullare in area di meta. Si arriva così a due minuti dalla fine, quando Vesty non deve far altro che correre tra i pali per la seconda meta di Leicester.
Nella ripresa i Tigers sono in carenza d’ossigeno, Bath cambia marcia e sembra in grado di recuperare lo svantaggio. In poco più di un quarto d’ora, infatti, sono due le mete realizzate dagli ospiti che si portano così sul 17-10 per Leicester. Leicester che fatica, ma che a poco più di dieci minuti dalla fine chiude l'incontro, quando Geordan Murphy scatta sull’ala. Abendanon lo sgambetta, ma l’estremo riesce a calciare il pallone in avanti. Sull’ovale si avventa Moody che realizza la meta del più 14 chiude virtualmente il match.

La semifinale tra Harlequins e London Irish non passerà alla storia. Incontro che non decolla mai, con gli Harlequins che meriterebbero più fortuna nel primo tempo ed Exiles che mettono più agonismo, cattiveria e fisico che talento in campo. Nel primo tempo sono ben sei le punizioni fischiate, quattro per gli arlecchini e due per gli Irish, ma clamorosamente si va al riposo con il risultato fisso sullo zero a zero.
A inizio ripresa arrivano, finalmente, i primi tre punti con Delon Armitage. Gli Harlequins hanno ancora il tempo per rispondere, ma la formazione di Richards non ha idee. Si arriva così al 52’, quando gli Harlequins rimettono in campo un pallone velocemente nei loro 22 metri, lo perdono, e Hudson può realizzare la prima meta del match, con gli Exiles che allungano nel punteggio. Il resto della partita scorre sugli stessi binari noiosi del primo tempo, con il punteggio che resta aperto fino a cinque minuti dalla fine. Al 75’, infatti, l'ennesimo errore degli Harlequins chiude definitivamente il discorso qualificazione e lancia gli Irish verso la finale di settimana prossima. Catt compie un intercetto quasi involontario e si invola in solitaria in meta, chiudendo sul 17 a 0 l’incontro.

Leicester Tigers – Bath Rugby 24-10
LEICESTER G.Murphy, Hamilton, Erinle, Hipkiss, J.Murphy, Vesty, Dupuy, Crane, Woods, Newby, Kay, Croft, Castrogiovanni, Chuter, Ayerza.
BATH Abendanon, Maddock, Crockett, Hape, Banahan, Davis, Claassens, Hooper, Scaysbrook, Beattie, Short, Harriso, Bell, Mears, Flatman.
ARBITRI Pearson; Barnes, Terheege; Matthews 6
MARCATORI 16’ m. Hipkiss tr. Dupuy, 38’ m. Vesty tr. Dupuy, 46’ m. Claassens, 49’ c.p. Dupuy, 57’ m. Hooper, 69’ Moody tr. Dupuy

Harlequins – London Irish 0-17
HARLEQUINS Brown, Williams, Tiesi, Turner-Hall, Monye, Evans, Care, Easter, Skinner, Robshaw, Robson, Percival, Ross, Fuga, Jones.
LONDON IRISH Hewat, Thompstone, D.Armitage, Mapusua, Tagickibau, Catt, Hodgson, Hala'Ufia, S.Armitage, Danaher, Casey, Kennedy, Skuse, Coetzee, Dermody.
ARBITRI White; Maybank, Dix; Hughes
MARCATORI 43’ c.p. D.Armitage, 52’ m. Hudson tr. D.Armitage, 75’ m. Catt tr. D.Armitage

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: