Super 10 - 80 minuti di passione, tra speranze, paure e polemiche

ParmaViadana.jpg

Un finale thrilling degno del miglior film noir. Dove gli assassini e le vittime si confondono, mischiandosi in un vortice di accuse e contraccuse che farebbero impallidire le Iene di Tarantino. Così si prospetta l'ultimo turno del massimo campionato italiano, dove le certezze sono pochissime, i dubbi infiniti e le recriminazioni pronte a emergere dietro l'angolo. Ma ecco cosa potrebbe succedere questo fine settimana.

Playoff e retrocessione i pomi della discorsia. Semifinali e Serie A i pericolosi incroci che coinvolgeranno tutte le formazioni del Super 10 in ottanta minuti dove ogni risultato è possibile e la sorpresa è dietro l'angolo. Ma iniziamo dalla lotta per i playoff.
Treviso e Viadana hanno staccato il pass per le semifinali e si giocheranno solo l'onore di chiudere il campionato al primo posto. Dietro di loro, però, è lotta a tre per gli ultimi due biglietti che valgono i playoff. Overmach Parma, Cammi Calvisano e FemiCz Rovigo sono racchiuse in soli quattro punti. Se, a prima vista, emiliani e lombardi sono i favoriti d'obbligo, il calendario è stato beffardo e ha programmato proprio per il gran finale la sfida tra le due formazioni. A Calvisano non sarà permesso alcun passo falso. Chi perde è quasi certamente fuori. Sarà una partita giocata alla morte, dove non conterà solo vincere, ma per la squadra sconfitta saranno fondamentali i possibili punti bonus che riuscirà a portare a casa.
Con un occhio rivolto a Venezia, dove i lagunari ospitano Rovigo in un derby che potrebbe valere le semifinali dopo 11 anni per Rovigo. Bacchetti e compagni devono vincere, puntare al bonus e poi sperare che da Calvisano arrivino notizie positive.
Se per i playoff tutto è da decidere, in zona retrocessione gli incroci sono pericolosissimi e le polemiche pronte a esplodere. Sono quattro, infatti, le squadre non ancora matematicamente salve. Se Venezia è messa meglio in classifica, la squadra veneta è anche quella che ha l'impegno più difficile, ospitando il Rovigo in piena lotta playoff. Per le due formazioni romane e il Gran Parma, invece, tre partite contro squadre che, sulla carta, non hanno più nulla da chiedere a questa ultima giornata.
La Capitolina va a far visita a un Petrarca Padova la cui sesta posizione è blindata. Certo, i padovani vogliono salutare il pubblico di casa nel migliore dei modi, ma la grinta che nasce dalla disperazione è tutta dalla parte dei romani, che vogliono inanellare il quarto risultato utile consecutivo prima di dire comunque addio al Super 10.
Si giocano tra le mura amiche la permanenza nella massima serie Futura Park Roma e Gran Parma. I romani ospitano Treviso, come detto ormai ai playoff e che potrebbe preservare i suoi titolari in vista delle semifinali, e devono giocare al massimo, ma possono fare la partita guardando ai risultati dagli altri campi. Essere terz'ultimi, infatti, li può preservare da brutte sorprese.
Se da un punto di vista sportivo la Rugby Roma dovrà fare tutto il possibile per salvarsi sul campo, la società ha già un'ancora di salvezza. L'addio della Capitolina, infatti, in caso di retrocessione, permetterebbe ad Abbondanza di acquisire il titolo dei cugini e di restare anche la prossima stagione in Super 10.
Se le due formazioni romane giocheranno principalmente per la gloria e l'onore, più drammatica è la situazione del Gran Parma, il quale non ha virtualmente paracaduti cui appendersi in caso di retrocessione. Anche per Parma, però, una sfida in teoria impossibile, contro Viadana, ma che potrebbe risultare meno ostica del previsto se i mantovani, come detto anche per Treviso, decidessero di far riposare i giocatori migliori in vista delle semifinali.
Poi, come detto da Ivan Malfatto sul Gazzettino, c'è anche il discorso Aironi. Ma, a me, la dietrologia non piace, quindi spero che questo finale di stagione si decida, come dev'essere, sul campo e non a qualche scrivania.

P.S. visto che l'addio della Capitolina è ormai ufficiale da settimane (e nell'ambiente era risaputo già da prima), la Fir poteva anche annunciare PRIMA del termine dei campionati cosa accadrà l'anno prossimo. Se la Capitolina si salva verrà ripescata la squadra retrocessa o saliranno due formazioni dalla Serie A? Forse, e dico forse, era una cosa da sapere PRIMA che la stagione finisse. Così, tanto per far finta di essere seri...

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: