Irb Nations Cup - Brutta sconfitta degli azzurri con la Georgia

italiaageorgia.JPG

Se il buon giorno si vede dal mattino, allora la sera dimostra che l'alba era traditrice. Dopo la vittoria con la Russia e la sconfitta di misura con gli Emerging Springboks arriva la pesante sconfitta degli azzurri A contro la rimaneggiata Georgia. Deludono gli azzurri, sempre in difficoltà contro i robusti georgiani e portano a casa un brutto 3-25 che cancella i sogni di gloria per Duca e compagni.

Subito sorpresa da una meta georgiana al 1', l'Italia "A" ha faticato a ritrovare quella coesione e quel gioco che avevano caratterizzato la prestazione contro il Sudafrica e, dopo essere tenuti sotto break grazie ad un calcio piazzato dell'apertura del Treviso Davide Duca, hanno subito nel finale di primo tempo la meta (dopo un banale errore in touche azzurra) che ha permesso alla Georgia, nella ripresa, di amministrare con maggiore serenità la partita.
La squadra capitanata da Luigi Ferraro chiude quarta in classifica, a pari punti con l'Uruguay e davanti alla Russia, fanalino di coda con tre sconfitte in altrettanti incontri: un torneo nel complesso positivo, quello della seconda rappresentativa azzurra, macchiato solo dalla battuta d'arresto subito questa sera all'Arcul de Triumf. Certo che l'Italia A vista oggi non fa sperare molto per il futuro e per i possibili ricambi per la nazionale maggiore. Duca forse ha subito l'emozione dell'esordio nel torneo, ma la sua prova non è stata all'altezza delle parole spese a suo favore degli allenatori nel prepartita, nonostante abbia dimostrato di possedere un buon piede non è riuscito a prendere in mano la squadra. La mediana, infatti, viene sostituita completamente a inizio ripresa, a dimostrazione della giornata no dell'apertura e di Toniolatti, anche lui pienamente insufficiente. Pessimo, ma non è una novità, Vosawai, che sembra non sapere cosa sta facendo su un campo da rugby. Ma è tutta l'Italia a non essere stata convincente questo pomeriggio a Bucarest, troppi errori di gestione della palla, con l'eccezione, forse, di Bernabò e Derbyshire, unici a salvarsi in questa giornata da incubo.

Bucarest, Stadium Arcul de Triumf – venerdì 20 giugno
IRB Nations Cup, III giornata

ITALIA "A" – GEORGIA 3-25 (3-15)
Italia: Buso; Sepe M., Sgarbi, Galante, Sartoretto; Duca D. (5' st. Varani, 25' st. Barbieri A.), Toniolatti (3' st. Travagli); Vosawai, Cattina (1' st. Orlando), Derbyshire (8' st. Cavalieri); Bernabò (8'-10' pt. Cavalieri), Pavanello A.; Pietrosanti (33' st. Giovanchelli), Ferraro (cap), De Marchi Al. (2' st. Sbaraglini)
Georgia: Barkalaia; Shkinin, Todua, Khmaladze, Chkhivadze; Malaguradze, Samkharadze; Udesiani (cap), Gundishvili, Maisuradze; Uchava, Nemsadze; Khositashvili, Natriashvili, Gasviani
Marcatori: p.t. 1' m. Gasviani (0-5); 13' cp. Malaguradze (0-8); 19' cp. Duca D. (3-8); 40' m. Gundishvili tr. Malaguradze (3-15); s.t. 25' cp. Malaguradze (3-18); 41' m. Tsiklauri tr. Uchava (3-25)

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: