Super 10 - Padova chiede di non omologare il risultato della semifinale. Solita farsa all'italiana

moul.jpg

L'Agr ha riportato la notizia che il Petrarca Padova, sconfitto 20-13 nella semifinale di ritorno dal Calvisano ed eliminata dal campionato, ha annunciato ricorso, chiedendo la non omologazione del risultato. Una scelta dettata dall'errore commesso dal TMO in occasione della presunta meta realizzata da Leaega e non data dal quarto arbitro.

AGGIORNAMENTO: RESPINTO IL RICORSO DI PADOVA!

Ecco il comunicato: "Il Carrera Petrarca Padova ha chiesto la non omologazione del risultato della semifinale scudetto che ha visto i patavini soccombere per 20-13 nei confronti del Cammi Calvisano. La richiesta si basa sull'intervento del TMO, il Television Match Official (l'arbitro addetto alla moviola), che non ha concesso la meta in occasione di un'azione conclusa dal centro Silao Leaega. Un intervento giudicato irregolare perché si sarebbe pronunciato sulle immagini sbagliate."

Insomma, a cinque giorni dalla finalissima ci troviamo di fronte all'ennesima farsa all'italiana. Vedremo cosa decideranno gli organi preposti, ma, sinceramente, avremmo fatto a meno di questa decisione del Padova. L'errore umano è possibile, anche di fronte alle immagini tv e, soprattutto, i sette punti non dati a Padova non basterebbero a qualificarla per la finale. Certo, una meta a fine primo tempo avrebbe potuto cambiare il corso della storia, ma con i se e con i ma non si va lontano. Meglio accettare il risultato del campo, rinforzare la squadra e prepararsi a un 2009 da protagonisti. 

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: