Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

Scritto da: -

Lettera aperta molto dura dell'ex azzurro nei confronti di Alfredo Gavazzi e Giancarlo Dondi.

innocenti_attacca_gavazzi_dondi.jpg Continuano le polemiche dopo le elezioni federali di sabato scorso. Questa volta è il turno di Marzio Innocenti, ex azzurro e avversario di Giancarlo Dondi nelle elezioni 2004, raccontare le sue elezioni. Una lettera aperta che per dovere di cronaca pubblico integralmente, ricordando che questo blog è sempre disponibile per le risposte che, i protagonisti, vorranno farmi avere.

Sono Marzio Innocenti e per chi non mi conosce sono un ex giocatore di rugby e oggi faccio il medico,un lavoro che fa vivere bene me e la mia famiglia. Per le elezioni federali appena celebrate ho seguito la campagna elettorale di Amerino Zatta in Toscana ed in Abruzzo. Da questa esperienza traggo alcune storie,qualche domanda ed alcune riflessioni che voglio mettere a disposizione dei lettori. Sono io la persona che ha fatto da ponte tra il nostro gruppo e Giancarlo Dondi.

Ho preso questa iniziativa perché pensavo fosse utile alla nostra causa e per affetto. L’ affetto che penso sia dovuto ad un anziano di 76 anni al tramonto della sua carriera. Abbiamo quindi concordato un incontro durante il quale ho trascorso con il Dondi due ore da solo tranquillizzando lo sull’atteggiamento assolutamente corretto nei suoi confronti e assicurandogli da parte nostra l’acclamazione come Presidente Onorario. Nel far questo auspicavo la sua equidistanza nella competizione elettorale. Dondi mi disse che si era disinteressato della campagna elettorale del Gavazzi anche perché questi non faceva altro che sbagliare,condendo il tutto con aneddoti tipo quello che all’annuncio della candidatura della Vecchi avrebbe risposto ” auguri “. Infine affermo’ che i voti di cui disponeva sarebbero andati a Besio,Donati e Cipolla per stima personale. Tali concetti vennero ribaditi a pranzo di fronte a Giorgio Cipolla e Sergio Bernini che definiro’ testimoni. Durante l’elezione il Presidente del Comitato Regionale Emiliano Spotti,che da sempre e’ la voce di Dondi in assemblea, ha distribuito santini elettorali in cui non erano indicati i nomi di Besio, Donati e Cipolla.

Ora le domande. Qual è l’accordo assicurato dal Gavazzi al Dondi per il suo appoggio? Cosa unisce così strettamente due persone che sinceramente si detestano? Del resto tutti ricordano che il Dondi alle penultime elezioni fece di tutto per non far eleggere il Gavazzi che passo’, ultimo degli eletti, solo per pochi voti. Allora cosa li ha fatti diventare cosi’ amici da indurre il Dondi a sacrificare Sacca’ da sempre il suo delfino designato? Del resto il Dondi già nel 2000, anno in cui ero Consigliere Federale, fece deliberare per se’ un compenso di 92.000.0000 di Lire che nel 2004, ultimo anno in cui sono stato in Consiglio Federale , erano diventati 120.000 euro. Tutto fa pensare che il compenso sia stato mantenuto,se non aumentato, fino al corrente anno.Il CONI non ha niente da dire su questo compenso? Una riflessione. C’e un nesso tra la decisione del Dondi di lasciare ed il nuovo statuto imposto dal CONI con cui si blocca a 30.000 euro il tetto dei compensi percepibili dalle cariche elettive?

Altra storia. Da un virgolettato del Gavazzi alla Gazzetta dello Sport del 16 settembre: “qualcuno,prima di arrivare qui, ha utilizzato metodi poco leciti…”. Penso parli dei suoi. E’ forse metodo lecito farsi accompagnare a incontri elettorali con le Societa’ dal Presidente del Comitato Regionale della Lombardia Angelo Bresciani? E’ metodo lecito aggiungere al suddetto Bresciani il Presidente del Comitato Regionale delle Tre Venezie Bortolato per gli incontri elettorali con le Società Trivenete? Il CONI non ha niente da dire su due organi istituzionali che fanno campagna elettorale per uno dei candidati? Quali metodi leciti il Gavazzi ha usato con Emanuele Scieri,Presidente del Rubano, per convincerlo a votarlo? Dovete sapere che il Rubano da anni vive con i giocatori che riceve dal Petrarca. Senza il lavoro del Petrarca non riuscirebbe a sostenere neppure una C élite. Eppure quando il Petrarca si espone in prima persona lo sconfessa votandogli contro. Cosa puo’ aver convinto Emanuele Scieri a suicidare la sua societa’?

Alcune considerazioni. Il Veneto esce con l’85 per cento delle sue societa’ unite a sostenere Amerino Zatta. Questa e’ una risposta a chi, come Rinaldo, per altro senza rilevare che parlava di se stesso,lo considera un nano politico. Il Veneto e’ la piu’ grande realta’ rugbistica  del nostro Paese, esprime una franchigia che fa risultati immensamente superiori a quelli della Nazionale,ha 4 squadre in Eccellenza ed innumerevoli squadre di A,B e C. Ha i vivai più fiorenti del Paese ed ha urlato il suo orgoglio e la sua voglia di crescere mettendole a disposizione del movimento. Questo messaggio e’ stato raccolto al di fuori del Veneto tanto e’ vero che Amerino Zatta ha ricevuto 10.000 voti da coraggiosi fuori dalla nostra regione. Ebbene tutto questo non ha rappresentanza nel Consiglio Federale. Non osi la Susanna Vecchi presentarsi come Consigliere Veneto.Dal Veneto ha preso solo 2.000 voti su 12.000 ,il veneto piu’ votato e’ Roberto Zanovello. La signora Vecchi rappresenta solo se stessa.

Una considerazione personale. Io sono un tesserato e quindi un socio della Federazione Italiana Rugby ed il Gavazzi non sara’ mai il mio Presidente. Il Gavazzi e’ l’autorita eletta per cui ha diritto di governare ma non in mio nome. Ho sostenuto  Zatta non perché e’ il galantuomo che e’ ma perche’ dopo aver letto il programma l’ho sentito vicino alle mie idee. Il Gavazzi nel suo discorso programmatico ha parlato tanto di Nazionale, terza franchigia, alto livello, Accademia,pochissimo di Società grandi e piccole. Non sara’ mai il mio Presidente a meno che non inverta completamente la rotta sposando il programma del nostro gruppo. Un programma che ha molti punti in comune con quello del  CRRI che orgogliosamente rappresentai contro il Dondi alle Elezioni del 2004.

Marzio Innocenti

Link utili:
Elezioni federali: l’annuncio della vittoria di Gavazzi

Elezioni federali: ecco i consiglieri eletti

Elezioni federali: le prime parole di Gavazzi

Commenta questa notizia sul FORUM di RUGBY 1823

 

RUGBY 1823 è anche su Facebook

RUGBY 1823 è anche su Twitter


Vota l'articolo:
3.97 su 5.00 basato su 74 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Bel concetto di democrazia Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Questo significa saper perdere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1 Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Marzio Innocenti, che conosco e stimo, è liberissimo di dire, ipotizzare e pensare ciò che vuole. Ma quando afferma che Rubano (cito testualmente) \"da anni vive con i giocatori che riceve dal Petrarca. Senza il lavoro del Petrarca non riuscirebbe a sostenere neppure una C élite\" dice una gigantesca cazzata, anzi più di una. gli basterebbe considerare quanti giocatori il Petrarca dà (alcuni volontariamente, altri semplicemente lasciandoli andar via) a tutte le squadre padovane, da sempre, in cambio dei prodotti migliori dei vivai o delle prime squadre di queste (da Rubano negli ultimi anni i vari Targa, Menniti-Ippolito e Bettin) e quanti giocatori nati e cresciuti a Rubano giocano o hanno giocato in prima squadra negli ultimi 10 anni. Se nello stesso periodo siamo partiti dalla C elite (in cui sono orgoglioso di aver giocato) fino ad arrivare in A1, lo abbiamo fatto certamente con il contributo di tanti ex petrarchini (e sono fra questi) ma anche di tanti, tanti e tanti rubanesi doc, che continuiamo ad inserire ogni anno dalle nostre giovanili. Questi sono fatti, caro Marzio. sulla votazione del presidente Scieri, ancora una volta mi ripeto: liberissimo di dire, ipotizzare e pensare quel che vuoi, ma il sillogismo per cui \"siccome il Petrarca mi dà tanti giocatori, allora devo votare come il Petrarca\" è palesemente e semplicemente assurdo, soprattutto per chi sa o dovrebbe sapere come avvengono certe decisioni. scusandomi per la lungaggine, rivolgo un cordiale saluto a tutti i lettori di questo blog Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Non entro nel merito di quanto afferma Marzio, in quanto sono argomenti a me sconosciuti. Noto solo che anche in lui c\'e\' questa voglia esplosiva, ma frustrata, di cambiare aria, di disinquinare il rugby da personaggi ambigui e incompetenti per iniziare ad avere un futuro. Finora, infatti, stiamo vivendo solo di ricordi. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Si sarà tolto qualche sassolino dalle scarpe il sig. Innocenti ma non mi sembra che alla fine ci faccia una bella figura. Contento lui ..... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Posso anche condividere l\'amarezza, ma certi questioni anche personali vanno trattate nelle sedi opportune Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    al fischio finale dell\'arbitro la partita dovrebbe esser finita ... bisogna anche saper perdere !!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Complimenti Marzio, sei sato un gran giocatore e hai detto cose che il 99 % delle persone non conosceva.Ecco perche le nostre piccole società, poi non riescono a dare un paio di scarpe ai giocatori o qualcuna deve far pagare gli atleti per giocare.A questo punto chiediamo una inchiesta che faccia luce sui soldi che lor signori si sono spartiti nel nome del Rugby, ma che niente hanno a che fare con lo spirito di questo meraviglioso sport.Finalmente un Veneto coeso ed unito.Rispetto , chiediamo del lavoro anche della piu piccola socità e pari trattamento !Un augurio al Benetton che CON i SOLDI PROPRI e con quasi tutti giocatori italiani tanto bene sta facendo in Robo Direct.Grazie Marzio per le parole Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Triste ,mi dispiace che il sig Innocenti non conosca bene come sia il Rubano , perchè se così fosse saprebbe che cosa c\'è dietro ad una società dove la gente da il suo contributo con dedizione e sacrificio , e forse non è solo grazie all\'arrivo degli AMICI del Petrarca, ma anche a tutta la struttura e al clima che si è riusciti a creare negli anni che rendono questa società vincente . Triste e parere mio personale anche offensivo visto che in questa società ho dato cuore e anima prima da giocatore e poi da accompagnatore . firmato un\'ex giovanile dell\'allora Mira rugby approdato in quella che chiamo ancora oggi FAMIGLIA che è Rubano Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Personalmente penso che il Rubano senza il rapporto con il Petrarca non sarebbe di sicuro in A. Io ho giocato contro iil Rubano per moltissimi anni in serie C e B , e posso garantire sulla mia pelle che il salto di qualità è stato fatto solo grazie all\'arrivo di giocatori di anno in anno dal Petrarca. E\' altrettanto vero però che il Rubano ha un settore giovanile di discreto livello e che con solo i suoi giocatori di sicuro riuscirebbe a fare una sere C. Non ho mai guardato una partita del Rubano ultimamente e non sono in grado di dire quanti giocatori 100% rubanesi giocano alla domenica, ma penso che il pensiero di Marzio non sia del tutto sbagliato, in fin dei conti non si sputa mai sul piatto dove si mangia..... Buon rugby a tutti Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 11 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Con questo post vorrei rispondere a tutti voi \"Cinghialotti\" di pura razza. Il mio post precedente era una piccolissima provocazione per arrivare poi ad una considerazione. AVETE RAGIONE quando dite che e\' inutile tirare in ballo una società come il Rubano che si stà facendo onore ad un ottimo livello, è altrettanto vero che il Rubano è nato da una buona iniezione di Petrarchini ,ma come scordare i vari Falcone, i fratelli Gallo, Checco dalle Palle ecc. ecc. che ci hanno dato l\'anima e non venivano da altre società.Ma è altrettanto inutile stare a fare le pulci sulle scelte di altre società ,come il Petrarca che,vista la sua posizione ,di top 10 prima,di eccellenza poi ha dovuto, per forza di cose e di bilanci fare delle scelte. Dico a Lara: spero che determinate difficili scelte gestionali dei giocatori si ritrovi a doverle fare anche il Rubano perchè vorrebbe dire che è arrivato in eccellenza. A tutti sarebbe piaciuto giocare in prima squadra!! Ma le vie dei dirigenti sono insondabili!! Meglio a Rubano piuttosto che in una frustrante under 23. Comunque anche Innocenti parla di c elite, serie A e via discorrendo ma: di minirugby chi ne parla? E\' da lì che arrivano le nuove risorse del rugby italiano e questo mi sembra un settore un pò trascurato. Altra picola provocazione. Pronti via!!!!! Parliamone Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 12 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Carlo Scarsea il poco buon gusto non ha limiti!!!!! grazie per ricordarcelo!!!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 13 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Secondo il mio punto di vista la domanda è diversa caro Battistin (a prescindere da come il Rubano fa a fare la sua squadra): ma cosa ha avuto in cambi ol\'avvocato SCERI per aver votato (tra i pochi in Veneto) il signor Gavazzi. Dopo mille promesse mai mantenute da Dondi cosa mai avrà proposto Gavazzi questa volta?. Ed inoltre dopo che tutte le maggiori squadre del Veneto Petrarca compreso si sono schierate apertamente per Zatta cosa ha trovato l\'avvocato SCERI di così irresistibile da votare Gavazzi? Ed i buoni rapporti con il Petrarca (senza dire altro) non potevano far propendere per una linea diversa. Ed inoltre domando a voi giocatori ed amici del Rubano che vi arrabbiate tanto siete d\'accordo con la scelta del vostro PRESIDENTE? Siete stati interpellati? Avete un\'idea vostra? Con umiltà, saluti Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 14 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Marzio, capitano sul campo e capitano sempre ed ovunque.A testa alta contro questi intrallazzatori ( Gavazzi, Dondi, Vecchi) sperando che prima o poi l\'Italia che ama il rugby si svegli. Un segnale importante si è già visto in queste elezioni e quattro anni passano in fretta........... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 15 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    ciao a tutti.i sono un ex giocatore di este-monselice-.badia e frassinelle.vi posso garantire che quel che ho letto corrisponde a pura verita\'.IL RUBANO RUGBY SENZA L\'AMICIZIA CON IL PETRARCA non sarebbe arrivato dove e\' ora.io ci ho giocato da ragazzino molte volte a rubano,giocavamo tra i sassi,ma a quanto insegnare rugby e minirugby tanto di cappello..non vergognatevene ma e\' cosi!!!!!!!!!!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 16 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Sono rimasto allibito nel leggere certe parole nei confronti della mia società, da una persona che conosco solo di nome, ma che di certo, ora non aspiro a conoscere personalmente! Lo dico veramente col cuore in pace, perché so, malgrado la mia presenza in questa società non sia certo di lungo corso, come quella di miei compagni ed AMICI che mi hanno preceduto nel commentare questo \"articolo\", posso affermare che la persona che ha scritto certe cose non ci conosce, non ha mai visitato le nostre strutture, non conosce il nostro Presidente, non sa l\'amore che sin dai vivai, TUTTI, a partire dagli allenatori, il Presidente, i giocatori e le famiglie (parte integrante di questa società), cercano di infondere per questo sport ai giovani atleti.. e quando sento parlare di FAMIGLIA del RUBANO, mi si illuminano gli occhi.. perché è così.. e NESSUNO.. ribadisco, NESSUNO, può in alcun modo, OFFENDERE, DENIGRARE, ALLUDERE A COMPORTAMENTI ILLECITI (cosa che a parer mio ha gli estremi per un\'azione legale per diffamazione, ma sarà chi di dovere a intraprenderla se necessario).Rimango dell\'idea, o forse, voglio solo sperarci, che sia stata l\'ignoranza (dei fatti), a muovere questa persona nell\'usare certi toni nei nostri confronti, perché fosse veramente che li abbia usati, perché convinto di certe cose, lo invito personalmente a presentarsi davanti a me e a ribadire certe sue idee, dopo ovviamente aver passato una giornata a vedere come una società come il Roccia, seppur piccola, abbia l\'orgoglio, la dignità, le competenze, la passione, l\'abnegazione e l\'atteggiamento puro che solo un vero NOBILE può avere!Concludo che chiunque abbia strumentalizzato le parole che son state dette da questo Signore, entra di fatto nella sua stessa risma, probabilmente per ignoranza o per invidia.. Offendere una società, L\'UNICA A LIVELLO NAZIONALE, che ha una compagina in A1 di SOLI DILETTANTI (nessuno percepisce uno stipendio)!! Allora, fatevi delle domande, prima di esprimere giudizi.. venite da noi e poi, FORSE, potrete arrogarvi il diritto di esprimere un giudizio.. che sono sicuro, sarà ben diverso da quelli espressi fino ad ora..Scusate, ma NESSUNO può toccare la mia FAMIGLIA o i miei AMICI, se non ne fa parte!Cordialmente Sandro Bovo Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 17 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Orgoglioso dei Ragazzi del Roccia, Petrarca o no tutto quello che è stato fatto fino ad oggi è stato svolto con enorme sacrificio da parte del primo e più piccolo bambino che gioca al Roccia all\'ultimo adulto. Marzio Innocenti deve lavarsi la bocca prima di parlare di una Società come il Rubano dove non ci sono soldi ma tanto cuore e volontà. Simone Varroto spiega molto bene il tutto bravo Capitano. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 18 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Pubblico la lettera del Presidente Emanuele Scieri a risposta di quella di Marzio Innocenti. Saluti a tutti LETTERA APERTA (E CHIUSA) A MARZIO INNOCENTICaro Marzio,i ragazzi che giocano a Rubano mi hanno mostrato un Tuo intervento in relazione alle recenti elezioni Federali.Non voglio, e non posso, entrare nel merito delle Tue affermazioni in ordine a fatti e circostanze a me totalmente sconosciute.Tengo a precisare, però, alcune questioni che riguardano la Società di cui sono presidente da oltre 25 anni.Come ben sai la nostra è una piccola Società che ha sempre vissuto di idee, speranze e sogni su cui io e un Tuo ex compagno di squadra, ed altre persone, abbiamo costruito un progetto che non prevedeva vittorie agonistiche di chissà quale livello ma la costruzione di ragazzi che, anche attraverso i campi di rugby, si affermassero nella vita di tutti i giorni.E non a caso, dopo tanti anni in cui si è cercato di riuscire ad avere un minimo per poter svolgere l’attività sportiva che amiamo (campi, spogliatoi) si è potuto procedere a strutturare quel progetto la cui finalità era, ed è, di far crescere i nostri ragazzi con la prospettiva di poter giocare, in qualsiasi categoria, alla pari di tutti.E ancora non a caso, avendo conosciuto un altro rugby rispetto a quello attuale, si è sempre pensato che i valori con cui far crescere i nostri ragazzi, dovevano necessariamente attingere ai valori di una Società di cui il Roccia si è sempre considerata compartecipe.Personalmente Ti dico che proprio in quella Società (di cui hai fatto parte anche Tu) ho guardato, e guardo, per avere gli stimoli per poter continuare: ed anzi, proprio a quella Squadra di cui Tu hai fatto parte, ho guardato per cercare di far crescere i nostri ragazzi.Detto ciò trovo, quantomeno, inesatto, per non dire altro, affermare che il Roccia Rugby abbia approfittato, in questi anni, del lavoro del Petrarca giacché la crescita tecnica-agonistica a Rubano non è avvenuta grazie al Petrarca ma ad una serie di componenti che, anche, e soprattutto, attraverso il lavoro pressoché gratuito di alcune persone, primo fra tutti, il tuo ex compagno di squadra Michele Pra (tra i fondatori del Rubano) ha consentito quella crescita di cui parlavo prima.Oggi, il Roccia, vive del lavoro gratuito di molte persone e di molti ragazzi che contrariamente ad altre realtà credono nel gusto di faticare assieme non per un interesse economico ma perché si riconoscono in certi valori antichi.Tu sai benissimo che pur avendo da svolgere il campionato di serie A nessuno dei giocatori percepisce rimborsi spese e/o stipendi… chi allena, e chi svolge attività dirigenziale, è in perenne lite famigliare dato che non riesce a giustificare a che pro svolga un’attività così faticosa.Quanto a dei giocatori venuti, nel corso degli anni, dal Petrarca credo di poter affermare, con serenità, che gli stessi siano venuti spontaneamente, per scelta personale e non già per chissà quale astruso motivo.Tengo ancora a precisarTi che potrai ben andare a vedere il numero di tesserati del Roccia Rugby e verificare di come, e di quanto, incidano i tesseramenti di provenienza Petrarca, per capire di come la nostra Società abbia cercato di far crescere, a prescindere, un ambiente e dei ragazzi che potessero, nel tempo, eccellere anche nei campi di gioco.D’altra parte Ti basterà verificare di come l’attuale capitano del Petrarca sia nato e cresciuto (permettimi l’orgoglio) a Rubano e di come altri due ragazzi (credo di poter affermare di interesse nazionale) siano nella rosa del titolari della Prima Squadra del Petrarca.Tanto per precisare questi ragazzi sono andati al Petrarca non certo a fronte di denari e/o favori ma bensì per una scelta che il Roccia Rugby ha da sempre fatto in un interesse comune.Infine, voglio precisarTi che non ho mai avuto incontri personali con il sig. Alfredo Gavazzi che ho visto due volte in vita mia, senza neppure scambiarci una parola.Sono andato, una prima volta, ad un incontro dove l’ho sentito esporre le sue idee e le sue convinzioni di quello che poteva essere il nostro movimento nei prossimi quattro anni, rivedendolo sabato scorso.Quindi rasserenati, nessuna pressione ricevuta ma libera scelta di chi crede in qualcosa che si chiama democrazia.Spero di aver spiegato, non solo a Te ma anche ai ragazzi che in questi 25 anni sono cresciuti, e diventati uomini, a Rubano, di come coloro che hanno lavorato, insieme a me, in tutti questi anni, hanno creduto in certi principi ed in certi valori. Valori per cui quando ci si incontra, rugby o non rugby, avviene uno scambio di affettuoso rispetto.Emanuele Scieri Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 19 su Affari italiani: Marzio Innocenti attacca duramente Dondi e Gavazzi

    Posted by:

    Pubblico la lettera del Presidente Emanuele Scieri a risposta di quella di Marzio Innocenti. Saluti a tutti LETTERA APERTA (E CHIUSA) A MARZIO INNOCENTICaro Marzio,i ragazzi che giocano a Rubano mi hanno mostrato un Tuo intervento in relazione alle recenti elezioni Federali.Non voglio, e non posso, entrare nel merito delle Tue affermazioni in ordine a fatti e circostanze a me totalmente sconosciute.Tengo a precisare, però, alcune questioni che riguardano la Società di cui sono presidente da oltre 25 anni.Come ben sai la nostra è una piccola Società che ha sempre vissuto di idee, speranze e sogni su cui un gruppo di persone ha costruito un progetto che non prevedeva vittorie agonistiche di chissà quale livello ma la costruzione di ragazzi che, anche attraverso i campi di rugby, si affermassero nella vita di tutti i giorni.E non a caso, dopo tanti anni in cui si è cercato di riuscire ad avere un minimo per poter svolgere l’attività sportiva che amiamo (campi e spogliatoi) si è potuto procedere a strutturare quel progetto la cui finalità era, ed è, di far crescere i nostri ragazzi con la prospettiva di poter giocare, in qualsiasi categoria, alla pari degli avversari.E ancora non a caso, avendo conosciuto un altro rugby rispetto a quello attuale, si è sempre pensato che i valori con cui far crescere i nostri ragazzi, dovevano necessariamente attingere ai valori di una Società di cui il Roccia si è sempre considerata compartecipe.Personalmente, Ti dico che proprio in quella Società (di cui hai fatto parte anche Tu) ho guardato, e guardo, per avere gli stimoli per poter continuare: ed anzi, proprio a quella Squadra di cui Tu hai fatto parte, ho guardato per cercare di far crescere i nostri ragazzi.Basterà ricordare Andrea Zulian e Giuseppe Artuso, ma anche Hector De Marco e Tonino Failla che hanno scelto di partecipare ad un progetto in una Società in cui si rispecchiano.Detto ciò trovo, quantomeno, inesatto (per non dire altro) affermare che il Roccia Rugby abbia approfittato, in questi anni, del lavoro del Petrarca, giacchè la crescita tecnica-agonistica a Rubano non è avvenuta grazie al Petrarca, ma ad una serie di componenti che, anche, e soprattutto, attraverso il lavoro, pressoché gratuito di alcune persone, primo fra tutti, il tuo ex compagno di squadra Michele Pra (tra i fondatori del Rubano) ha consentito quella crescita di cui parlavo prima.Oggi, il Roccia, vive del lavoro gratuito di molte persone e di molti ragazzi che credono nel gusto di faticare assieme non per un interesse economico ma perché si riconoscono in certi valori.Tu sai benissimo che, pur avendo da svolgere il campionato di serie A, nessuno dei giocatori percepisce rimborsi spese e/o stipendi… chi allena, e chi svolge attività dirigenziale, è in perenne lite famigliare, dato che non riesce a giustificare a che pro svolga un’attività così faticosa….Quanto ai giocatori venuti, nel corso degli anni, dal Petrarca credo di poter affermare, con serenità, che gli stessi siano venuti spontaneamente, per scelta personale e non già per chissà quale astruso motivo.In ogni caso potrai ben andare a vedere il numero di tesserati del Roccia Rugby e verificare di come, e di quanto, incidano i tesseramenti di provenienza Petrarca, per capire di come la nostra Società abbia cercato di far crescere, a prescindere, un ambiente e dei ragazzi che potessero, nel tempo, eccellere anche nei campi di gioco.A tal proposito, Ti basterà verificare di come l’attuale capitano del Petrarca sia nato e cresciuto (permettimi l’orgoglio) a Rubano e di come altri due ragazzi (credo di poter affermare di interesse nazionale) siano nella rosa del titolari della Prima Squadra del Petrarca.E questi ragazzi sono andati al Petrarca non certo a fronte di un corrispettivo in denaro ma bensì per una scelta che il Roccia Rugby ha da sempre fatto, valutando un interesse comune delle Società e dei ragazzi.Infine, voglio precisarTi che non ho mai avuto incontri personali con il sig. Alfredo Gavazzi che ho visto due volte in vita mia, senza neppure scambiarci una parola.Sono andato, una prima volta, ad un incontro dove l’ho sentito esporre le sue idee e le sue convinzioni di quello che poteva essere il nostro movimento nei prossimi quattro anni, rivedendolo sabato scorso.Quindi rasserenati: nessuna pressione ricevuta ma libera scelta di chi crede in qualcosa che si chiama democrazia.Spero di aver spiegato, non solo a Te ma anche ai ragazzi che in questi 25 anni sono cresciuti, e diventati uomini, a Rubano, di come coloro che hanno lavorato, insieme a me, in tutti questi anni, hanno creduto in certi principi ed in certi valori. Valori per cui quando ci si incontra rugby o non rugby avviene uno scambio di affettuoso rispetto.Emanuele Scieri Scritto il Date —