Scandalo ovale: in Zimbabwe rugby significa doping

Scritto da: -

Tredici atleti della nazionale under 20 pizzicati positivi a un controllo.

zimbabwe_u20_doping.jpg Uno scandalo clamoroso si è abbattuto sulla palla ovale africana. Tredici atleti della nazionale under 20 dello Zimbabwe sono stati trovati positivi ai controlli antidoping durante il Mondiale “B” svoltosi il mese scorso negli Stati Uniti.

13 ragazzi su 26, il 50% dei convocati è stato beccato positivo a una sostanza dopante. Praticamente un doping di squadra che getta una luce nerissima sul rugby nello Stato africano. Il tutto durante il Junior World Trophy, il torneo B iridato per le nazionali under 20.

Un caso che rischia di far fare un importante passo indietro al rugby in Zimbabwe, una nazione con una grande tradizione ovale, ma che dalla professionalizzazione della palla ovale ha faticato a tenere il ritmo di altre nazioni. E ora questo scandalo potrebbe rovinare il lavoro fatto negli ultimi anni. 

RUGBY 1823 è anche su Facebook

RUGBY 1823 è anche su Twitter

Vota l'articolo:
3.43 su 5.00 basato su 7 voti.