Affari italiani: Aironi, gli ex dipendenti reclamano i soldi

Scritto da: -

Chi ha lavorato per la franchigia di Viadana l'anno scorso reclama il dovuto e attacca la dirigenza.

aironi_dipendenti.jpg Ha una coda polemica l’addio degli Aironi alla RaboDirect Pro 12. Quelle che per mesi erano solo voci - spesso smentite con rabbia e sdegno - ora sono un comunicato stampa, dove gli ex dipendenti della franchigia di Viadana mettono nero su bianco la loro rabbia. Nei confronti della dirigenza.

Gli ex dipendenti della società Aironi Rugby intendono rendere pubblica la spiacevole situazione che si va protraendo da diversi mesi. Pur avendo infatti portato a termine il nostro lavoro - riteniamo con serietà, passione e professionalità come confermato dagli attestati di stima che abbiamo ricevuto dall’esterno - la società non ha ancora ritenuto di effettuare i pagamenti delle ultime mensilità. 

Chi ha provato ad agire tramite vie legali, si è visto rispondere dalla società che “nulla è dovuto”. Questo anche a causa del fatto che per la maggior parte di noi - nonostante le continue richieste pervenute da parte nostra durante la stagione - la società non ha provveduto a stilare e a farci firmare alcun contratto che testimoni la nostra assunzione. In una riunione richiesta dagli stessi dipendenti poche settimane prima della conclusione della stagione sportiva 2011-2012 l’Amministratore Delegato Stefano Cantoni ha spiegato tale situazione con l’inaccettabile frase: “In sei mesi non ho avuto tempo di prepararli perché avevo altro da fare”.

 In questi mesi abbiamo letto e sentito a più riprese le dichiarazioni del Presidente Silvano Melegari riguardo onestà e integrità, rigettando al mittente ogni allusione riguardante la difficile situazione finanziaria della franchigia. Motivo, quest’ultimo, che ha portato la Federazione Italiana Rugby a revocare agli Aironi la licenza di partecipazione al RaboDirect Pro12 e all’Heineken Cup. Aspettiamo adesso che a queste parole seguano i fatti. Il comportamento tenuto finora, infatti, serve secondo noi solo a confermare la correttezza della decisione assunta dalla Fir.

Anche i giocatori che nell’ultima stagione hanno indossato la maglia degli Aironi vivono la stessa condizione e gli stessi disagi e hanno espresso a più riprese la loro solidarietà nei nostri confronti. Cogliamo comunque l’occasione per augurare a Rowland Phillips e ai suoi giocatori tutto il meglio per la prossima stagione sportiva.

RUGBY 1823 è anche su Facebook

RUGBY 1823 è anche su Twitter

Vota l'articolo:
3.50 su 5.00 basato su 12 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Affari italiani: Aironi, gli ex dipendenti reclamano i soldi

    Posted by:

    La maggioranza di questi \"creditori\" sono parmigiani come la maggioranza del CDA ( Melegari, Cantoni, Rufolo). Baraldi, voluto da Cantoni ( che bella trovata !!!!!), ha messo dei suoi uomini e tutti questi signori sanno benissimo di chi è la responsabilità.Gli suggerisco perciò di suonare ai campanelli della propria provincia per reclamare il dovuto. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Affari italiani: Aironi, gli ex dipendenti reclamano i soldi

    Posted by:

    Chi li ha imposti lo sappiamo tutti e per chi remavano anche. Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Rugby1823.blogosfere.it fa parte del canale Blogo Sport di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano