Pirati informatici: gli hacker colpiscono la Federugby

Scritto da: -

Gli hacker di Cocain hanno messo ko il sito della Federazione Italiana Rugby.

federugby_hacker.jpg Non è colpa dei famigerati Anonymous, ma solo dei meno conosciuti hacker del Cocain Team. Il sito della Fir, infatti, questa mattina è stato messo ko dai pirati informatici. Una bella notizia, se ci si pensa bene.

Bella notizia? Sì, perché è risaputo che gli hacker colpiscono i siti che offrono visibilità e interesse. Difficilmente si mettono ad hackerare un sito sfigato, ma puntano alla massima comunicazione.

Quindi in Fir non si disperino. Il Sei Nazioni, si sa, porta visibilità e interesse intorno al rugby. Da un lato questo significa 72mila spettatori all’Olimpico, dall’altro… beh… significa rovine, frutta, fiori, orologi e altre amenità a riempire la pagina web federale. Insomma, mettiamola così… venir hackerati è un premio. Per quanto antipatico.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Pirati informatici: gli hacker colpiscono la Federugby

    Posted by:

    è la stessa cosa che ho pensato io quando l\'ho visto (e te l\'ho segnalato in diretta...):se ci hanno hackerati vuol dire che siamo importanti! :D Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Pirati informatici: gli hacker colpiscono la Federugby

    Posted by:

    però... questi hacker hanno anche una certa classe :) Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Pirati informatici: gli hacker colpiscono la Federugby

    Posted by:

    beh, hanno hackerato pure me una volta, e non sono importante! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Pirati informatici: gli hacker colpiscono la Federugby

    Posted by:

      vendetta scozzese di Andy Robinson Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Pirati informatici: gli hacker colpiscono la Federugby

    Posted by:

    Gli hacker (in italiano \"smanettoni\") sono coloro che si divertono a sfidare i sistemi di sicurezza e le protezioni di accesso dei siti al solo fine di testare le proprie capacità, offrendo indirettamente un servizio impagabile a tutta la comunità di internet: quello di testare i sistemi stessi. Coloro che agiscono a fini di sabotaggio e vandalismo si chiamano \"cracker\" o \"defacer\". Scritto il Date —