Super 10 - Presentato il GranDucato Parma Rugby

Scritto da: -

da%20sx%20Prestera-De%20Marigny-Melegari-Falavigna-Mey-Bandini-Mordacci.JPG

È stato presentato ufficialmente ieri presso la sede del Gran Parma Rugby il neonato GranDucato Parma Rugby, che è lo sviluppo di un’idea nata insieme al progetto Aironi. Formata da Gran Parma Rugby, Rugby Colorno e Rugby Viadana, la nuova realtà parteciperà al Campionato Italiano d’Eccellenza e al Campionato Nazionale Under 20 e avrà l’obiettivo primario di far crescere e maturare i giovani, anche in funzione di un loro possibile passaggio in Celtic League. Come spiega il comunicato ufficiale che riportiamo qui sotto.

Il GranDucato Parma Rugby, che avrà sede legale a Colorno, sarà il gradino intermedio di una piramide la cui base sono le singole società che hanno dato vita a questa realtà e il cui vertice è costituito da Aironi Rugby.
Gran Parma Rugby, Rugby Colorno e Rugby Viadana manterranno il loro settore giovanile indipendente e continueranno a fare attività di reclutamento e formazione dei ragazzi. Inoltre, Gran Parma Rugby e Rugby Colorno avranno anche una loro squadra seniores che parteciperà a campionati di livello inferiore, dove militeranno tutti quei giocatori non ancora pronti ad affrontare un campionato di livello nazionale.
GranDucato Parma Rugby consentirà ai migliori giovani e ai giocatori di interesse di accumulare l’esperienza a livello nazionale necessaria per effettuare poi l’eventuale salto nel rugby professionistico. Anche per questo la società lavorerà in stretta collaborazione con gli Aironi Rugby.
Gli allenatori delle due formazioni saranno Roland De Marigny e Cristian Prestera per la squadra seniores e Riaan Mey e Michele Mordacci per l’Under 20. Per consentire una maggiore crescita di tutti i giocatori, i quattro tecnici lavoreranno in team e si confronteranno regolarmente. Sedi delle partite di campionato del GranDucato Parma Rugby saranno lo stadio XXV Aprile di Parma e lo stadio G. Maini di Colorno.
«Non puntiamo a vincere lo scudetto», dichiara il Presidente Cosetta Falavigna, «il nostro obiettivo è quello di far crescere i nostri giovani. La collaborazione con gli Aironi sarà uno stimolo importante per i nostri ragazzi affinché si impegnino al massimo per raggiungere i propri traguardi. La speranza è anche quella di riuscire a diventare un punto di riferimento per lo sport del territorio che rappresentiamo».
«Sono contento e orgoglioso della nascita si questa società creata dai soci fondatori degli Aironi», ha detto Andrea Bandini, «spero che questa collaborazione aiuti a crescere tutte le parti interessate. Il GranDucato Parma Rugby copre un territorio importante e spero che questa nuova realtà aiuti i nostri settori giovanili a migliorare sempre di più e a diventare un serbatoio importante sia per gli Aironi che per la nazionale».
«La nascita del GranDucato Parma Rugby», dichiara Riccardo Melegari, «costituisce, alla stregua della franchigia degli Aironi Rugby, un evento di assoluta novità ed importanza nel panorama rugbystico nazionale. Obiettivo principale del nuovo Club è quello di valorizzare il lavoro fatto nei settori giovanili delle società che lo costituiscono. I giovani uscenti dalle varie Under 20 avranno grandi opportunità per perseguire l’alto livello, formando l’ossatura centrale della nuova squadra, i cui obbiettivi, almeno per la prossima stagione, saranno quelli di ben figurare nel futuro campionato nazionale di eccellenza».

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
  • nickname Commento numero 1 su Super 10 - Presentato il GranDucato Parma Rugby

    Posted by:

    Mi stavo chiedendo, come faranno con le "obbligatorietà"?Non me le ricordo tutte ma, a naso direi: per l'eccellenza tutte le giovanili compresa l' under 20. A Colorno mancano le tribune coperte dunque niente Eccellenza solo l'under 20 potrebbe giocare nel loro stadio.Chi metterà le squadre giovanili e chi no?? Gli aironi hanno l'obbligo di avere le giovanili??? Così tutte le sue giovanili verranno girate al Gran ducato..... e non avrà l'obbligo di investire direttamente nelle giovanili. Speriamo che i "ripescaggi" (se ci saranno) per l'anno prossimo siano comunicati a breve per consentirealle società di costruire squadre adeguate al campionato in cui saranno inserite. ciao  Scritto il Date —