6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

Scritto da: -

DanielliPratichettiPA.jpg

Dopo averci dormito su una notte (si fa per dire…) e dopo qualche Guinness che chiarisce le idee, eccomi a tirare con un po' più di calma le somme dopo la sconfitta subita qui a Edimburgo. Una sconfitta, la sesta consecutiva della gestione Mallett, che fa male per tanti, troppi, motivi. La peggior sconfitta di sempre nel 6 Nazioni contro la Scozia, la terza partita dove l'Italia neanche fa finta di restare in corsa per la vittoria e la terza partita con gli stessi errori. E, questa volta, si salvano veramente in pochi.

Come sempre analizziamo reparto per reparto. La nostra prima linea ha subito un'involuzione imbarazzante negli ultimi mesi. Sicuramente l'infortunio di Castrogiovanni non ha aiutato, ma insieme a lui si vede un calo generale. Perugini è confuso e, ieri, molto più falloso di Martin. Nieto non dà molto alla causa e il solo Ghiraldini si salva, soprattutto per aver aggiustato le touche. Ma in mischia chiusa paghiamo moltissimo, ed era la nostra arma fino a un anno fa. I motivi? Sicuramente fisici, ma anche e soprattutto mentali. Lo ha detto anche Parisse in conferenza stampa (che vedrete domani), i giocatori sono gli stessi degli anni scorsi, ma qualcosa è cambiato. Nota a margine: Abbiamo perso tre touche nel momento in cui sono entrati in campo Sbaraglini e Sole. Cioé un giocatore esordiente che non aveva mai studiato le giocate azzurre e una terza linea fuoriruolo. E' vero, a sbagliare sono i giocatori in campo…
Seconda linea. Non pervenuta. Dellapé cammina per il campo e non è mai decisivo. Bortolami ci prova, almeno, ma ormai è la controfigura del capitano coraggioso che eravamo abituati a vedere. Del Fava fa il suo, mentre su Sole ho già detto tutto. Anche qui, i problemi sembrano più mentali che fisici e, forse, sarebbe ora di cercare seriamente dei ricambi per giocatori che sembrano logori.
Terza linea. Monumentale. Se non guardiamo ai problemi di Zanni palla in mano (sigh), per il resto i due flanker placcano anche gli steward a bordo campo, sono sempre presenti e difendono per quindici. Parisse, poi, è il nostro portatore di palla principe e il pericolo maggiore per gli avversari. Se poi si inventa anche dropper e calciatore, beh, siamo a posto. O forse siamo alla frutta?
Mediana promossa con riserva. Griffen fa quel che può, ma i 34 anni e l'esperienza Super 10 pesano sulla sua tenuta. Finché ha benzina fa il compito ordinatamente, senza eccellere ma senza problemi. Canavosio, invece, ingiudicabile. McLean è una delle note positive della giornata. Gioca con autorità e sicurezza, usa un po' troppo poco il piede ma gestisce bene i palloni. Certo, non è un'apertura e questa scelta ci limita all'estremo, ma la prestazione è più che positiva.
Chiari e scuri, invece, nei trequarti. Come sempre la nostra arma spuntata, centri e ali hanno una capacità di handling imbarazzante e perdiamo palloni su palloni, soprattutto con Canale. Ma Gonzo almeno fa tanta quantità, come anche Mirco, sempre presente anche se particolarmente nervoso. Male Pratichetti, impalpabile, bene Bacchetti, sempre più sicuro nel ruolo. Garcia ingiudicabile e probabilmente fuori per il resto del torneo, mentre fa piacere vedere la sicurezza con cui esordisce Rubini. Qualche sbavatura, ma che gli si può perdonare, per il resto una prestazione ottima per uno di quei giovani che, secondo lo staff tecnico, non dovrebbero essere in grado di giocare in nazionale.
Concludiamo con Marcato. Mi spiace sparare sulla croce rossa, ma qui siamo ormai allo psicodramma. Andrea è la dimostrazione (insieme a Toniolatti) di come si possa distruggere un giocatore. Non sente la fiducia di Mallett, viene messo fuoriruolo, ha ancora i postumi della botta presa con gli inglesi e fa un disastro dopo l'altro. Non è un estremo e non ha il piede da estremo. Inoltre non placca e non sa penetrare palla in mano nelle maglie difensive avversarie. Mi spiace, ma mi sa che per lui il 6 Nazioni finisce qui, almeno da titolare.

Dai ruoli passiamo alle situazioni di gioco. Mischia chiusa: bocciata. Mallett si attacca all'arbitraggio, ma la verità è che gli azzurri si sono involuti e subiscono continuamente la spinta avversaria. Touche: promossa con riserva. Se è vero che con Ghiraldini abbiamo smesso di perdere le rimesse laterali, è anche vero che fino a un anno fa sapevamo anche rubarle. Anche ieri nessuna touche rubata e pochissime contrastate decentemente. Gioco al piede: pessimo. Tranne un calcetto delizioso (credo di McLean) un'infinità di palloni calciati in campo, permettendo i contrattacchi scozzesi e nessun uso tattico del piede. Poi, in occasione del drop, l'imbarazzo totale. McLean e Marcato che, nonostate il drop non fosse telefonato, di più!, pascolano in zone del campo assolutamente inutili e Griffen si ritrova Parisse in posizione di calcio. Griffen ha dovuto sbattere le palpebre per convincersi di non aver ricevuto una botta troppo forte in precedenza. Cerca disperato i suoi calciatori e poi, suo malgrado, serve il capitano che piazza. Bene, ottimo. Ma non era lui a dover essere lì! Breaks: non pervenuti. Non sappiamo attaccare, ormai è lampante e palese. Non facciamo un break decente e quando, per sbaglio, guadagnamo spazi finiamo per perdere il pallone in avanti. Urge mandare i trequarti ad allenarsi con gli under 13. Ripartire dalle basi è fondamentale!

Ecco, questi sono i primi pensieri a meno di 24 ore dalla fine dell'ennesima sofferenza azzurra. Questo pomeriggio posterò il video della conferenza stampa, con le domande incriminate poste da me e da Francesco Costantino. Domani, infine, un'altra illuminante risposta di Mallett e Parisse riguardo ai nostri problemi in mischia. Per il resto, sarebbero ancora tante le cose da dire, sicuramente mi verranno in mente altri problemi, ma ora abbiamo due settimane di tempo e troveremo lo spazio per capire cosa sta succedendo a questa Italia. Che è troppo brutta per poter essere vera.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Sono d'accordo su quasi tutto, l'unica nota che non mi convince sono i "problemi di Zanni palla in mano" (io li avrei chiamati: "problemi di Zanni a convincere i compagni a dargli un sostegno decente"). Per me comunque Zanni migliore in campo (persino meglio di uno straordinario Parisse) per via dell'atteggiamento, sembrava essere l'unico a credere nella vittoria. E se ripenso ad un commento davvero irriguardoso letto un paio di settimane fa su questo forum, la soddisfazione aumenta ancora. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    purtroppo non e solo colpa di mallet.mallet e stato chiamato solo a guidare un auto pilotata e rotta!!!!!le colpe sono di chi ha preperato quuesta macchina, mi spiego i giocatori che ha disposizione sono quelli prodotti da altri.bisogna iniziare a costruire dalle fondamenta e non come dall'accademia dove marchiano a vita l'atleta come prodotto doc a 17 anni e lo portono in nazionale come puro sangue, ...... per giustificare il lavoro di professori accademici. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Questo da ignorante in materia è ciò che ho notato: 1) lentezza (a confronto degli altri sembriamo delle tartarughe) sia nei passaggi sia nelle gambe ; 2) nella mischia crolliamo sempre o meglio ci fanno crollare ; 3)placcaggi : ho visto piloni non riuscire a fermare gli avversari ; giocatori che non fermavano l'avversario vicino loro con l'ovale in mano, come se aspettassero che lo facesse qualcun altro; bene Mirco Bergamasco in questo che ha acquisito tecnica e non peso (che non sempre serve).Poi non ho capito una cosa: quando eravamo vicino la linea di meta, perchè non si è cercato di andare avanti con il carrettino ? Lanciavano il pallone indietreggiando parecchio. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Non è assolutamente un'attenuante ma, mi chiedo, quanto le nuove regole possono averci danneggiato? Secondo me molto, a prescindere dalle gravi responsabilità di Mallet e di un pò tutta la squadra che in questo comunque non hanno alibi che tengano. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Penso che mai come ieri si è capito fin dall'inizio come sarebbe andata a finire. Non c'è mai stato un momento in cui la squadra abbia dato la sensazione di una risalita, di una reazione alle azioni avversarie. Abbiamo affrontato la squadra più debole del torneo (l'Italia non la considero neanche più) sapendo già di perdere. Non ho avuto neanche la forza di bestemmiare, cosa che da toscano faccio sovente. Almeno mi sono risparmiato un po' di anni di purgatorio...Sulla partita e l'analisi di Duccio. In primo luogo sulla prima linea: disastrosa, non regge in mischia, non lega (errore non spiegabile), non placca, veramente male. Seconda: impalpabile. Quando dico che ci sono troppi giocatori con 60-70 caps voglio dire che è l'ora di cambiare. Dellapé e Bortolami hanno dato. Terza linea: bene Zanni, Bergamauro niente di che, Parisse un drop e poco più. Dal capitano mi aspettavo un 6 nazioni molto diverso. Mediana: partito bene Mclean (o Mcneal come dice cecinelli) poi scaduto nel marasma generale. Bene Griffen, considerato quello che sappiamo. 3/4 Il mistero dell'Italia: io mi chiedo come mai non riusciamo ad avere dei giocatori decenti in questi ruoli. A me personalmente pratichetti è piaciuto abbastanza, sempre considerando la partita mediocre degli italiani. Su Canale non ho più parole, si danna l'anima ma non riesce a tenere la palla in mano (parentesi sui passaggi in avanti: quanti ne abbiamo fatti? Questo è uno dei problemi maggiori nostri, il gioco alla mano). Bergamirko? Ormai mi ha rotto le scatole. Garcia? no comment. Marcato? Non ha il fisico per giocare, non ha corsa, non ha potenza nei calci, è un tipico giocatore da super 10. Anche se fuori ruolo non può giocare così male.Conclusioni: più che squadra da rifondare movimento da creare dal nulla. Se vogliamo giocare con queste squadre dobbiamo partire dalle basi che i nostri giocatori non hanno: il gioco alla mano, i passaggi, non riusciamo a fare più di due o tre passaggi senza fare avanti, è incredibile. Il sostegno, sconosciuto a tutti i nostri giocatori, incredibile anche questo. Io mi chiedo, ma durante gli allenamenti cosa fanno? Boh. I calci: qui sfioriamo il ridicolo, non riusciamo proprio a calciare la palla, non è  accettabile. Insomma, siamo messi veramente male, e non so se potrà bastare andare in celtic. Su Mallett e lo staff ci ha già pensato Duccio a dire le cose come stanno. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    in occasione del drop di parisse mi sembra che mclean fosse placcato a terra e marcato a pulire la ruck Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    quoto monica... siamo lentissimi...forse è anche un problema di preparazione o forse di tenuta... però mi piacerebbe sapere se i giocatori che giocano all'estero anche nelle loro squadre sono così Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    PARISSE:  UN GRANDE  GUERRIERO ...un onore averlo in squadra...alla faccia degli starnieri si e no Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    PARISSE:  UN GRANDE  GUERRIERO ...un onore averlo in squadra...alla faccia degli starnieri si e no Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Il problema della velocità è un problema riconosciuto da tempo, a detta del preparatore atletico è il maggior handicap che l'Italia ha (ovviamente dal punto di vista atletico). Ci sono squadre che hanno nel team dei velocisti olimpici (se non sbaglio l'Inghilterra ) che hanno aiutato moltissimo i giocatori  Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 11 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Se il discorso sulla velocità significa che si potrebbe migliorare attraverso una preparazione specifca, magari curata da specialisti del settore, allora va bene. Altrimenti diventerebbe valida, allo stesso modo, anche la storiella di Mallet sull'inferiorità fisica. Piuttosto occorre evidenziare che in attacco si parte da fermi, mentre bisognerebbe entrare sulla palla a tutta velocità. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 12 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Sicuramente la condizione fisica non aiuta ma, cosa possono farci i preparatori della nazionale? La preparazione e' soprattutto compito delle squadre di club che hanno i giocatori tutto l'anno.. in 2 settimane non e' che si riesca a rigenerare un giocatore spompato.. Secondo me c'e' anche poco attaccamento alla maglia.. A fine gara c'era Parisse quasi in lacrime e subito dopo Nieto che se la rideva come non fosse successo niente.. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 13 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Zanni tra i migliori.Ottimo anche Rubini, sarebbe l'ora di investire un po'  di più su sti ragazzi.Prevedibilissimi i nostri attacchi che, nell'80% dei casi, si risolvono solo con perdite di palloni.Qualcuno scriva i nomi giusti a Cecinelli!! (McNeal..) Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 14 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    @ Michele F : il discorso di Mallett sulla fisicità a mio parere serve a poco , guardate Shane Williams (si scrive cosi?) piccolo e scattante . Penso che se Zanni avesse avuto un po' più di velocità avrebbe fatto meta. Non incolpo il preparatore atletico ,anzi, se ne era già accorto di questo problema. Mi rendo anche conto che diventa difficile migliorare la velocità di un giocatore non tanto giovane e di una certa stazza. Penso invece che le nuove leve possano essere educate in questo Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 15 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Squadra imbarazzante in tutto. Neanche ai ragazzini U.13 cadono così tanti palloni. Mancano i fondamentali, passaggio, presa al volo, placcaggio, calcio tattico, sostegno: Imabarazzante il sostegno sull'intercetto di Zanni, le altre squadre segnano, noi perdiamo il pallone. Se una squadra che si atteggia ad internazionale non riesce a giocare quei palloni e quello occasioni, vuol dire che è male allenata e che i giocatori non sono di livello.Se dopo 10 anni di 6 nazioni non abbiamo giocatori di livello (neanche naturalizzati) vuol dire che la federazione non è di livello internazionale........... le logiche conclusioni a voi Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 16 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Salve a tutti, non sono espertissimo di rugby, purtroppo non l'ho mai praticato (essere nati in puglia non aiuta), lo seguo solo televisivamente da poco prima che l'Italia entrasse nell'allora 5 nazioni e devo dire che questo blog mi è stato molto utile per guardare le partie con un occhio più clinico. Al di la degli aspetti fisici, tecnici e tattici, mi sembra che si sottovaluti un aspetto non secondario di tipo mentale: i giocatori di questa nazionale vivono di rendita sull'immagine dei gladiatori senza macchia e senza paura che tanti media non specializzati ha dato di loro in questi ultimi anni. Perchè dovrei sbattermi più di tanto quando so benissimo che di me non si parlerà male perchè ho le mani di pasta frolla e non riesco a tenere in mano una palla ma si dirà solo quanto sono leale, quanto sono sportivo, quanto sono bravo perchè dopo la partita bevo una birra con gli avversari? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 17 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Torno sul discorso velocità. Il problema non mi pare dovuto alla velocità di corsa personale, ma piuttosto alla velocità con la quale facciamo girare la palla e ripartire il gioco. Inoltre anche alla velocità (parlerei forse più di proiezione) con la quale si intercetta il passaggio e quì si entra in un discorso di schemi di gioco. Se qualcuno venerdì ha visto la Francia sa di cosa parlo: 1 , 2 passaggi lunghi alla mano e poi un passaggio corto ad un trequarti che arriva, inserendosi da dietro, alla velocità di un missile. Qualora anche si riesca a placcare ti fa come minimo guadagnare la linea del vantaggio. Cambiando argomento, volevo parlare di quanto mi fa rabbia veder giocare così male non per il risultato in se stesso, ma piuttosto per come  si comprometta l'affezione del pubblico, specialmente giovanile, verso questo sport.  Non sto parlando di isole felici come il Veneto , L'Aquila, etc... ma piuttosto di zone (io sono toscano) in cui il rugby è sport molto ma molto marginale. Ho un figlio di 14 anni (che naturalmente gioca a calcio visto che la squadra di rugby + vicina dista 35 km) , da un paio di anni si ritrova a casa mia con 2/3 suoi amici per vedere le partite del 6 nazioni. Bene, dopo il centinaio di punti presi in 3 partite hanno deciso di passare diversamente i loro sabati pomeriggio...    Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 18 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Non sono d'accordo sugli elogi a McLean. La mediana composta da lui e Griffen è la più lenta della storia. La esce lenta dai raggruppamenti (non solo per colpa di Griffen) e viaggia ancora più lenta nelle mani di McLean. Inoltre il gioco al piede è inesistente e le scelte scontate. Sì placca bene, ma a 'sto punto Masi palcca meglio!!!Vorrei vedere la mediana con Toniolatti e Marcato. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 19 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    concordo con domenico, anch'io non sono espertissimo, ma credo che la sovraesposizione di alcuni giocatori e il delirio di onnipotenza di alcuni  tecnici stiano creando più danni che vantaggi per un gioco che, ritengo, debba ritornare alle cose semplici: se non si è capaci di giocare alla mano, almeno tenere il terreno, e se in alcuni ruoli purtroppo non si hanno ricambi (e nemmeno titolari di livello VI nazioni), studiare una tattica che si adatti al "motore" e non pretendere troppo; ci siamo illusi (io almeno) che dopo berbizier l'italia ovale avrebbe saputo conservare un suo stile, una aggressività riconosciuta in avanti e magari un con un po' più di esperienza dietro ... e invece ci ritroviamo con castro che crede di essere l'invincibile hulk, con perugini che è l'ombra del giocatore in maglia tolosana, si salvano i tallonatori (quando non si fanno male), le seconde linee sono cotte e non c'è stato neanche un esperimento, una prova,  di ricambio giovane (nei test match di novembre si poteva/doveva osare di più, e non puntare al mantenimento del ranking e basta), viviamo (meglio, sopravviviamo) appena tollerati nel VI nazioni, siamo tornati indietro di dieci anni ( ma almeno all'epoca diego e tronky erano all'apice della carriera) ... nel rugby non bisogna mai scordare la semplicità e l'umiltà, è vero che dalle sconfitte si impara forse più che dalle vittorie, ma allora siamo proprio asini  totali, proviamoci con un allenatore italiano, o con bisio, almeno si riderà di più,  tanto peggio di così ... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 20 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    L'unico dato 'simpatico' della parita con la Scozia sono i commenti di Cecinelli che tra storpiature e casini vari sta anche lui attraversando un momento di forma imabrazzante: che peccato comunque che questo sara' l'ultimo anni di Sei Nazioni in chiaro, rimpiangeremo LA7. Situazione dell'Italia tragicomica, il clima e' sempre di piu' da si salvi chi puo' tutti scaricano le colpe sugli altri e Mallet e' diventato paradossale ('Le scelte non sono mie') certo i giocatori sono quelli che sono pero' non e' possibile che siano diventati tutti delle pippe imbarazzanti che fanno errori madornali. Dopo 'sto disgraziatissimo Sei Nazioni e' necessario fare radicali cambiamenti credo...Oggi mi sento un po' Dane: il ko dell'Italia e' colpa dei 3' giocati da Garcia? Concludo: Chi e' McNeil?? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 21 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Qualcosa sicuramente non funziona, con il passare degli anni le altre squadre migliorano e si livellano su di uno standard in crescita mentre l'Italia peggiora visibilmente. L'allarme era già scattato lo scorso anno, sicuramente non funziona qualcosa nel profondo; il movimento è cresciuto, probabilmente non abbastanza, la squadra invece è invecchiata sulle solite giocate inconsistenti e gli errori sono sempre gli stessi: mancano i fondamentali. Personalmente penso che la distanza di livello sia purtroppo, ancora e sempre di più, incolmabile. Bisogna ripartire da capo con coraggio e umiltà, il rugby non è come il calcio, qui vince sempre il più forte e quindi non si può barare/improvvisare a lungo. E' atteso un cambio generazionale a tutti i livelli, poichè si tratta di cambiare mentalità. Io sono certo che i tifosi capiranno soltanto se vedranno cambiamenti sostanziali e gente motivata e con la volontà di imparare anzichè questa morte lenta; ci vuole un gioco nuovo, anche se al momento poco remunerativo, ma alla distanza sarà pagante. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 22 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Sarebbe consigliabile, visto il gap che abbiamo in ogni fase di gioco con tutti i nostri avversari, tornare per un anno al vecchio "5 nazioni" e far fare all'Italia solo amichevoli...tipo "purgatorio". Non ce l' ho con nessuno, giuro, ma vedere che i mediani ed i 3/4 non fanno un passaggio corretto "sulle mani", che non siamo schierati mai in modo corretto, che non esiste il ricircolo del pallone (quasi fondamentale per giocare sul vantaggio), che siamo sempre lenti e  fuori tempo, che non abbiamo schemi di gioco (si passa la palla a caso fino alla touche), che sappiamo fare i fondamentali…. mi fa male e rimpiangere il vecchio 5 nazioni.Non abbiamo un tipo di gioco definito nel quale riconoscersi, ora è solo caos. Prima guardavamo al rugby francese, ma ora sembra di giocare a caso....siamo aridi di idee. Sarà che non abbiamo giocatori di qualità, che non abbiamo “fisico”, che nessuno indirizza i giocatori..…non so.Abbiamo fatto il passo più lungo della gamba? Ci siamo illusi di essere bravini, quando siamo ancora mediocri? Nessun problema: umiltà, lavoro e ripartiamo con un nuovo staff ed un nuovo  allenatore che conosca sia il rugby internazionale, ma anche quello italiano, per poter impostare un gioco conforme con i giocatori a disposizione e per non rovinare quello fatto fino ad oggi (dai vari Dominguez, Cutitta, Troncon, Parisse, Coste, Berbizier…). Facciamo poco, ma facciamolo bene (per non farsi più prendere per i fondelli) Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 23 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    @"Non incolpo il preparatore atletico ,anzi, se ne era già accorto di questo problema..."Difesa d'ufficio e disinteressata..... :-D Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 24 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Disinteressata no, Veritiera si !!! Se vuoi ti posto il video...Qualcuno fa il geloso ????? :D  Comunque ne ho trovato anche un altro che mi fa ribollire il sangue!!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 25 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Alè..... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 26 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Dai dammi un tuo parere (anche se 6 un uomo), cosa ne pensi di Alex Marco e Marc Lievremont ? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 27 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Mah, sinceramente "non tratto l'articolo"! :-D Comunque De Marco, per quanto non si possa dire che sia un brutto uomo, mi pare piuttosto insipido mentre Lievremont  almeno ha il fascino della mascella cinematografica.....p.s.: in questo senso mi ha colpito lo scozzese Simon Danielli: per un ruolo da "cattivo" sarebbe perfetto...  Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 28 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Ma che De Marco, si chiama Alex Marco e quando parla con quel suo accento mi fa morire!!! Danielli più che la faccia da cattivo ha la faccia da delinquente, se fosse un sospettato lo arresterei subito!!! E come già sai preferisco quelli un po\' più maturi... Ma Alex Marco l\'hai visto dal vivo o in foto? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 29 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    1) Oggi scrivo con tastiera cirilica, abbi pazienza: volevo scrivere Il Marco, alla milanese...2) Sia in foto che dal vivo.3) Stiamo cazzeggiando, siamo di nuovo OT e fra un po' arriva Duccio col calendario col tuo Marco, Mallet, Checchinato, Cariat e Troncon vestiti da conigliette... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 30 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Duccio, all'indomani della sconfitta con l'Inghilterra analizzando meglio la partita, dissi che le touche giocate con Ghiraldini davano più "percentuali" di ripresa da parte nostra del pallone. Ricordo che Dane (9-2-2009) non era molto convinto di questo. Forse l'unica nota positiva della partita è stata proprio questa. Ma siamo ancora molto lontani dal recupero di palloni lanciati dall'avversario. Si dice che la palla deve essere lanciata ala centro: ma questa regola vale solo per noi? Ho notato pure io che all'uscita dal campo Sergio e Mauro avevano gli occhi bassi, mentre Nieto rideva come se nulla fosse accaduto. A Sergio e pochi altri dico di non portare sempre la croce, ma di chiarire certe cose all'interno dello spogliatoio. Purtroppo gente come Garcia, Sole, o per altri aspetti Bortolami e DellaPe, hanno fatto il loro tempo. Per altri bisogna lavorare sulla testa. Faccio un'ultima domanda: i problemi della mischia nascono solo dall'infortunio di Castro, e dal nervosismo di Totò, oppure hanno una ragione più profonda, e cioè l'esclusione (seppur motivata dall'età) del barone?     Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 31 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    ma cm spiegato l'ottimo 6nazioni di mallet l'anno scorso e invece lo scempio di quest'anno???solo qst interrogativo mi lascia una speranza x qst allenatore ma al tempo stex mi fa capire che anche i giocatori si sn montati la testa e n nrendono piu che la metà degli anni passati...chi potrebbe sostituire mallet?tecnici in italia nn è ke ce ne siano id molto adatti... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 32 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    @ Dane: allora ho capito che lavoro fai...Comunque non è giusto , delle fidanzate dei rugbysti si può parlare e di loro no ?! I calendari non sono il mio genere, anzi mi fanno anche un po' schifo, quei sederi in primo piano, che più che per le donne sono fatte per i gay...li preferisco vestiti.  Per il cazzeggio hai ragione...ma a te piace ed io ti accontento!!! :D  Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 33 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    @Vincenzo: vedo che te la sei legata la dito e fai bene, perchè è bene esser pignoli ed e bene rinfacciare i cambi di gabbana. Bisogna esser precisi però: io ho solo detto che non credevo che le touche fossero tutte e solo colpa di Ongaro, perchè con lui negli anni precedenti le touche funzionavano ancora abbastanza bene. E su Ghiraldini ho detto semplicemente che nelle sue prime apparizioni in azzurro mi aveva poco convinto anche per le touche, mentre mi ha via via conquistato con le sue prestazioni ed avevo dato ragione a chi lo conosceva meglio di me ed era convinto del suo potenziale. In sostanza, al di là della bravura di Ghiraldini, non credo la touche dipenda solo da chi lancia il pallone. Questo per esser precisi, poi se vuoi stravincere... ;-)@Epperugby: l'ottimo 6 Nazioni di chiiiiii?!... :-o@Monica: il cazzeggio come contorno ci sta, come piatto unico mi soddisfa meno... :-D Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 34 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    E' vero Dane, dimenticavo che il tuo piatto unico preferito  è la POLEMICA...:) Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 35 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    .....sportiva. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 36 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    spero con tutto il cuore che questo blog sia solo la punta di un iceberg, destinato a far sì che questo sport appassioni un numero crescente di spettatori. Sono molti anni che seguo il rugby ad alto livello, e rimango orgoglioso del fatto che anche l' Italia ne faccia parte, anche se la nostra federazione non mi sembra di .....livello adeguato. Le colpe dei nostri ragazzi sono sotto gli occhi di tutti e non si possono e si devono nascondere, ma credo di poter dire che derivano da un ....timone poco oculato. Diversi giocatori sono gli stessi che 2 anni fa ci hanno fatto sognare ( con Berbizier ) di essere abbastanza vicini a colmare il gap che ci separa dai grandi, e non si capisce sinceramente come improvvisamente si sia spenta la luce. Gli avanti sono sempre in difficoltà sia nelle ruck, che nelle mischie chiuse e nelle touches ( dove non si è mai sicuri di vincere ), eppure il " peso " non è diminuito semmai l' organizzazione è molto carente, ma questo è un problema di preparazione specifica e di schemi di gioco. Le nuove regole sono uguali per tutti, perchè solo noi siamo in difficoltà?......queste cose vanno studiate e ristudiate. La mediana è un punto nevralgico e invece mancano di tranquillità e preparazione specifica, soprattutto nella continuità e nella precisione di trasmissione dell' ovale; se la palla parte lenta e " sporca " già da qui, chi dovrebbe poi " pulirla "?.....e questo è un difetto di tutti, per mancanza di idee e di schemi. Le linee arretrate sono sempre o quasi fuori dal gioco e fuori posto, ma questo non è un problema di uomini..................ma di idee...e se non ci sono queste vuol dire che sono ben pochi gli schemi a disposizione. L' ultima annotazione è su 2 fondamentali: i placcaggi sono lenti e in ritardo, i calci?......beh calciare l' ovale necessita di tecnica e allenamento......forse è il caso che i fondamentali siano curati un po' di più, come fanno ovunque. I campioni li abbiamo anche noi ma se non riusciamo a valorizzarli.......un nome su tutti ....un ragazzo....Rubini ....cerchiamo di non seppellirlo sotto un cumulo di remore!!!!!!!!!!!!!!  Un saluto a tutti e ovviamente forza Italia  Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 37 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    @"Le nuove regole sono uguali per tutti, perchè solo noi siamo in difficoltà?"Provocazione: perchè solo l'Italia otteneva il 70% dei propri punti dalla mole, direttamente o indirettamente... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 38 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    Più lavoro e meno calendari! Ricominciamo da qui. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 39 su 6 NAZIONI 2009 - Doccia scozzese sull'Italia: facciamo il punto della situazione

    Posted by:

    l'anno scorso abbiamo fatto un bel seinazioni,sicuramente uno dei migliori degli ultimi anni,il migliore depo quello del 2007 Scritto il Date —